Home Dai Comuni Agrigento A Montaperto, è tempo di “IO SCAMBIO, IO BARATTO” e di “FESTIVAL...

A Montaperto, è tempo di “IO SCAMBIO, IO BARATTO” e di “FESTIVAL DEL GUSTO”

726 views
0

Nel borgo antico di Agrigento, domani, domenica 31 luglio 2016, si vivrà un’intera giornata di festa, tra riscoperta di antiche tradizioni contadine ed enogastronomiche, “condite” da tanta buona musica.

Start di buon mattino, intorno alle 09:00 con la I edizione di “IO SCAMBIO, IO BARATTO”. Si tratta della prima fiera in tutto l’agrigentino che punta a valorizzare l’antica pratica di “barattare” l’usato come da tradizione tra i nostri avi. Nel cuore di Montaperto si assisterà, quindi, allo scambio di quegli oggetti antichissimi ai quali spesso si sente fare riferimento nella letteratura e nei racconti dei nonni.

Dalle 19:00 in poi, invece, la II edizione del “FESTIVAL DEL GUSTO”, con cibo di strada in quantità. Tra le tante proposte, protagoniste saranno quelle della piazzetta Slow Food, la condotta presieduta da Massimo Brucato. Il pane e le panelle di Musicò, gli spiedini etnici di Ginger, i formaggi di girgentana del caseificio Casusko, i formaggi e i salumi di Made al Sud e tanto altro ancora per una proposta decisamente più ampliata rispetto a quella della precedente edizione.

Dallo street food si passerà alla maestria ai fornelli dello chef Davide Presti con la sua “pepata di cozze con crostone” e la preparazione di altri piatti. Per finire, il dolce: sarà presente, infatti, il pastry chef Giovanni Mangione con il suo Tempio della Concordia in pasta di mandorla, a decorazione dell’angolo degustazione di “cannoli con ricotta fresca di pecora” farciti al momento.

Novità assoluta, infine, sarà la presentazione dell’Arancello targato Consorzio Ribera Dop.

Il tutto accompagnato da tanta musica, con il Gruppo Popolare Musiche e Tradizioni Montaperto e alle 21:00, direttamente da The Voice, AGATHA AQL & COVER ALL.

 L’organizzazione dell’evento, che rientra tra gli appuntamenti della kermesse “R…Estate a Montaperto”, è curata da Gerlando Sciascia, Giuseppe e Salvatore Caruana, insieme a Nino Amato, con il patrocinio del Comune di Agrigento.