Pari a Melfi e Pagani, l’Akragas è salva

L’Akragas è salva!

Il pareggio conquistato a Melfi, dopo un’incredibile rimonta dal doppio svantaggio maturato nel primo tempo, ed il contemporaneo pareggio del Catania sul campo della Paganese, consegnano ai biancazzurri il lasciapassare per disputare il campionato di Lega Pro anche per la prossima stagione.

I migliori risultati ottenuti contro il Catania (una vittoria ed un pareggio), consentiranno all’Akragas di affrontare con tranquillità l’ultima gara di campionato contro il Benevento che oggi ha battuto per 3-0 il Lecce ed ha conquistato per la prima volta nella storia la promozione in Serie B.

Un obiettivo che alla fine del 2015 sembrava utopia, con Rigoli è diventato realtà.

Eppure tutto, al 45’ minuto di gioco, sembrava compromesso: le reti di Canotto (sempre lui) e di Maimone allo scadere della prima frazione, avevano fatto piombare lo sconforto tra i tifosi. Poi, nella ripresa, Marino e Di Piazza pareggiano i conti e con Zibert si sfiora anche la vittoria.

Il pari di Pagani ha fatto il resto.

Adesso, la palla passa al consiglio comunale e poi ancora alla Società: l’illuminazione è l’unico ostacolo per il futuro del calcio agrigentino.