Home Dai Comuni Agrigento Agrigento. Borsellino: “Zero Assoluto? La città ha bisogno di altro”

Agrigento. Borsellino: “Zero Assoluto? La città ha bisogno di altro”

305 views
0

Il Consigliere Comunale e “Presidente della 1^ Commissione Consiliare Permanente” Salvatore Borsellino lancia un appello al primo cittadino Calogero Firetto: “Oggi i cittadini agrigentini vengono a conoscenza che gli “Zero Assoluto” si esibiranno in concerto nella città dei templi, credo che sia doveroso spiegare ed illustrare, se ci sono ed a quanto ammontano gli eventuali costi della suddetta esibizione, spero di cuore – continua il Presidente allo Sviluppo Economico e Vice capogruppo del PDR Sicilia Futura in Consiglio Comunale Borsellino – che gli eventuali costi non gravino sul già deficitario bilancio comunale, arrecando un ulteriore aggravio di costi alle tasche dei nostri concittadini già provati da una crisi senza precedenti!

Oggi nella città dei templi ci sono ben altre emergenze, dalle strade dissestate all’illuminazione mancante nei quartieri periferici, bagni pubblici inesistenti, cimiteri degradati, cattedrale cadente, periferie abbandonate, impianti sportivi fatiscenti, vandalismo incontrollato, dissesto idrogeologico, e per concludere tasse con aliquote smisurate.

Spero che ci sia un cambio di rotta da parte dell’amministrazione evitando ai cittadini agrigentini lo spettro di una seconda Porto Empedocle, cittadina limitrofa abbandonata, degradata, disamministrata, violentata, con gli impiegati comunali che non percepiscono da mesi il proprio stipendio.

Sindaco utilizziamo quelle poche risorse esistenti per dare servizi concreti ai nostri concittadini, per dirne una il ripristino e l’impiantazione dei bagni pubblici prefabbricati autopulenti, sulla quale esiste e persiste già una mozione da me presentata, datata 20 Ottobre 2015 e votata all’unanimità anche dalla sua maggioranza.
Prima di parlare di tassa di soggiorno rendiamo la nostra città vivibile per cittadini e turisti che vengono a soggiornare, fornendo loro servizi concreti e funzionali”.