Pierfilippo e la Sicilia dal tempo sospeso

1.955 views

C’è una Sicilia che contiene dei tesori nascosti. Piccoli Borghi dove la vita scorre a “passo d’uomo” e dove si ritrova quella socialità che tanto manca a chi è abituato a correre, senza sosta, nelle grandi città. E’ la Sicilia di Pierfilippo Spoto che porta avanti con successo un esperimento riuscito: il turismo esperienziale. Chi arriva nei piccoli borghi può così vivere immerso non soltanto nella bellezza dei luoghi ma anche in mezzo alla gente. Si fa un salto nello storico panificio dove l’odore del pane caldo incontra il profumo dell’olio dando vita al leggendario “pani cunsatu”, una visita all’artigiano che intreccia i vecchi panieri, una granita al bar col gestore che sa tutto di tutti, un incontro con la vecchietta che ti chiede tutto sulla tua vita in appena 5 secondi, un tour tra i panni stesi nei cortili che sanno di lavanda e amore. Quei borghi dei tesori  diventano così una sorta di “livella” col super manager della City di Londra  che dialoga col pastore che gli spiega i segreti della ricotta di pecora ma anche dell’importanza della vita senza stress e dei suoi risvolti economici, il barbiere polistrumentista che, da autodidatta, incanta artisti di fama internazionale e il medico che ascolta con molta attenzione i consigli del contadino sui benefici delle erbe mediche. E’ una Sicilia vera, viva, affascinante dove il cuore ancora batte forte e richiama viaggiatori da tutto il mondo. E’ la Sicilia di Pierfilippo Spoto: “Picciotti amunì”.   E proprio a Pierfilippo Spoto e alla sua, e nostra, Sicilia è dedicato il nuovo episodio di FUORIMEDIA la serie Youtube realizzata da FUORIRIGA un lungo viaggio in Italia, fra le vicende di uomini e donne e le loro scelte fuori dai canoni