Il Coro di “Santa Cecilia” a Roma per Don Franco

Confermando una tradizione ormai ventennale, il Coro dell’Associazione Filarmonica Santa Cecilia di Agrigento, affiancherà la Cappella Musicale Pontificia Sistina nell’esecuzione dei canti che animeranno le Liturgie per l’investitura dei nuovi Cardinali nominati da Papa Francesco, tra i quali, l’Arcivescovo di Agrigento, Sua Eminenza Francesco Montenegro.

Sabato 14 e Domenica 15 febbraio, nella Basilica di San Pietro, il Coro agrigentino, in sinergia con la Cappella Sistina, canterà la Messa Gregoriana “Orbis Factor” e alcune antifone proprie delle liturgie del Concistoro.

Poi, il Santa Cecilia eseguirà due famose composizioni polifoniche: “Sicut Cervus” di Palestrina, e “Ave Verum” di Liberto, massimo compositore sacro del nostro tempo.

La collaborazione con la Cappella Sistina è cominciata negli anni 90, quando il giovane baritono agrigentino Giuseppe Dalli Cardillo, formatosi nel Santa Cecilia, è passato nelle fila del prestigiosissimo Coro Pontificio.

In seguito il Coro agrigentino è stato invitato svariate volte in Vaticano per animare grandi eventi presieduti dai Papi Giovanni Paolo II e Benedetto XVI, tra i quali il Grande Giubileo del 2000 e le annuali edizioni della Giornata Mondiale della Pace.

“Abbiamo aderito volentieri all’invito della Cappella Sistina, consapevoli di partecipare ad un evento davvero importante per la nostra terra di Sicilia.
In particolare , il nostro vuole essere, nei confronti del nostro Pastore, un segno di ringraziamento, per essersi fatto carico delle difficoltà e delle speranze della nostra comunità diocesana , e di augurio, perché possa servire per lungo tempo la sua Chiesa, secondo i disegni disposti dalla Provvidenza”.