Vecchio assolve il Licata: «Dobbiamo però aggiustare la mira»

Licata. Ripresa degli allenamenti in casa Accademia Licata dopo la sconfitta di misura in casa del Ligny Trapani nell’anticipo di sabato. I gialloblu hanno usufruito di due giorni di riposo e ieri sera sono tornati sul sintetico del Dino Liotta per preparare il prossimo impegno di campionato contro il Carini, in programma domenica alle ore 14,30 tra le mura amiche. Mister Angelo Vecchio dovrà valutare le condizioni fisiche di Mantia, Curella e Zarbo tutti e tre out contro i granata lilibetani. Il trainer licatese è tornato sulla sconfitta di Trapani.
«Abbiamo preso i due gol su delle sviste – le sue parole – nella ripresa abbiamo costruito almeno cinque-sei palle gol limpide davanti alla porta. Abbiamo attaccato per tutto il secondo tempo ma se non si mette la palla dentro c’è poco da fare. L’amarezza che rimane più che altro è questa».
Angelo Vecchio assolve però la squadra che, malgrado la sconfitta, soprattutto nella seconda frazione di gioco ha messo in campo cuore e grinta chiudendo all’angolo un Ligny Trapani più volte sul punto di capitolare.
«I ragazzi hanno messo l’anima, la voglia e la grinta. Purtroppo sono mancati i gol e questo ha fatto la differenza sul punteggio finale».
La ricetta del nuovo tecnico licatese è semplice e lo sguardo è già proiettato sulla sfida di domenica contro il Carini: «Noi dobbiamo guardare partita dopo partita – conclude Angelo Vecchio – e poi tireremo le somme e vedremo a che punto siamo in classifica, adesso è ancora troppo presto».
Il rammarico per la battuta d’arresto immeritata a caldo era stato esternato anche dal presidente Bruno Vecchio che ha lasciato chiaramente intendere come la società sia pronta a tornare sul mercato per rintracciare l’attaccante in grado di finalizzare la mole di gioco creata dalla squadra. Domenica a pesare è stata anche l’assenza di Angelo Zarbo che nell’ultimo periodo ha agito da prima punta con discreti risultati. Il numero 10 dovrebbe tornare a disposizione per la sfida con il Carini in cui l’Accademia è chiamata a sfruttare il fattore campo e a riprendere il filo del discorso con la vittoria. Poi a dicembre, con un centravanti in più nel motore si potrà puntare a qualcosa di più sostanzioso.

GIUSEPPE CELLURA – LaSicilia

L’articolo Vecchio assolve il Licata: «Dobbiamo però aggiustare la mira» sembra essere il primo su AgrigentoSport.com.