Rifiuti dirottati a Bellolampo, rischi per l’aumento dei costi

Il sindaco Lillo Firetto e l’assessore all’Ecologia Nello Hamel esprimono forte preoccupazione per il dirottamento del conferimento dei rifiuti indifferenziati nella discarica di Bellolampo situata sulle alture di Palermo.

Questa decisione, assunta dalla Regione Siciliana, fagocita i risparmi realizzati con la raccolta differenziata e le centinaia di chilometri percorsi ogni giorno dagli auto-compattatori sono uno spreco obbligato che rischia di vanificare i risparmi accumulati con il sacrificio e l’impegno degli operatori, dei cittadini di Agrigento e dell’Amministrazione Comunale. Il Comune di Agrigento ricorda che in altri tempi, situazioni come questa hanno suscitato proteste e manifestazioni mentre oggi lo spreco di denaro pubblico a cui i Comuni sono soggetti sembra passare inosservato. P

er questo motivo l’Amministrazione Comunale rivolge un appello veemente al presidente della Regione, all’Assessore Regionale all’Ambiente e al Direttore del Dipartimento affinché in tempi brevi si possa trovare una soluzione alternativa alla discarica di Bellolampo consentendo al ciclo della differenziata di non subire costi insostenibili ed interruzioni. E’ auspicabile che il presidente della Regione, considerato che il problema del conferimento in discarica costituisce ormai una vera e propria emergenza ecologica e finanziaria per i Comuni “strangolati” , istituisca una vera e propria unità di crisi permanente che si occupi di accelerare i tempi delle progettazioni e autorizzazioni, interfacciandosi con l’Arpa e tutti gli Enti preposti ai controlli contingentando i tempi di conclusione delle istruttorie e sbloccando gli impianti di conferimento del secco e del materiale compostabile.  Il sindaco e l’assessore all’Ecologia a giorni convocheranno un incontro con i sindaci della provincia di Agrigento per concordare iniziative comuni , finalizzate alla risoluzione del problema.