Home Dai Comuni Agrigento Marcolin porge auguri e speranze agli agrigentini

Marcolin porge auguri e speranze agli agrigentini

357 views
0

di Margherita Biondo – Ieri sera, venerdì 19 novembre, presso la sede del Movimento demopolitico agrigentino “Di più”, nei locali di viale Emporium n.37, il candidato a Sindaco Marco Marcolin ha incontrato la cittadinanza per porgere loro gli auguri di Natale e di felice anno nuovo. Una serata all’insegna della cordialità nel cui corso ancora una volta il candidato della lega nord, partito che ha appena adottato il simbolo “Noi con Salvini” per accogliere il centro-sud, ha sottolineato la caduta dei falsi pregiudizi tra nord e sud senza tuttavia sostenere alcun discorso di natura politica ma riferendosi solo alla buona amministrazione e al buon governo della città. In particolare Marcolin ha evidenziato il proprio impegno quotidiano che recentemente lo ha portato a frequentare le vie cittadine per avere un contatto diretto con gli abitanti specificando che il proprio interesse deve essere inteso come atto di amore verso Agrigento per la quale si adopererà sempre e col massimo impegno nel rispetto dei principi di legalità e trasparenza, accettando il confronto con tutti ed ascoltando le proposte di tutti. L’aspirante candidato della Lega ha, infatti, evidenziato il proprio intento di agire in maniera cristallina e di dare resoconto al popolo del proprio operato auspicando, altresì, che si creino le migliori condizioni possibili affinché si realizzi quel salto di qualità che possa dare l’input alla crescita economica, culturale e sociale della città di Agrigento attraverso un reciproco spirito di collaborazione con tutte le forze sociali. Si ricorda che Marcolin, deputato alla Camera per la Lega Nord ed eletto nella circoscrizione Veneto 2, ha già maturato una certa esperienza in ambito amministrativo poiché in passato è stato Sindaco a Cornuda, in provincia di Treviso, e dirigente locale della Lega. Attualmente, appoggiato e coadiuvato dal movimento cittadino “Di più”, sta imparando a conoscere meglio la città integrandosi nella comunità agrigentina non soltanto per un movente politico ma per conoscerne le tradizioni e la cultura al fine di rimanervi anche se l’esito delle elezioni amministrative non dovesse portarlo a rivestire la più alta carica cittadina. Come ha già sottolineato in varie occasioni il candidato veneto é stato in passato in vacanza ad Agrigento dove ha avuto la possibilità di formare delle sane amicizie in loco e di apprezzare le bellezze naturali e paesaggistiche della città nonché la cordialità degli abitanti. Ieri sera, in effetti, ha pronunciato parole che potrebbero suonare stonate per un deputato della Lega Nord, ma che – come egli stesso ha affermato stappando una bottiglia di spumante davanti a un panettone – rivelano il suo sincero interessamento per una città alla quale si è affezionato e che ritiene debba essere riportata in auge per una sua vocazione naturale in un momento in cui è necessario stimolare lo spirito di appartenenza da parte dei suoi cittadini. Un augurio sinceramente auspicabile per il nuovo anno considerate le recenti classifiche che hanno visto Agrigento in ultima posizione per qualità della vita nell’elenco nazionale redatto dal Sole 24 ore.