Home Ultime Expo 2015. Alla CCIAA di Agrigento si presenta il progetto della S.A.C.

Expo 2015. Alla CCIAA di Agrigento si presenta il progetto della S.A.C.

221 views
0

Giovedì 18 dicembre alle ore 10,30 presso la sala conferenze della CCIAA di Agrigento, il presidente dell’Ente camerale Vittorio Messina e il presidente della Sac (Società aeroporto di Catania) Salvatore Bonura incontreranno le imprese della provincia per illustrare il progetto e le modalità per utilizzare l’area attrezzata presso lo scalo aeroportuale di Fontanarossa, in occasione dell’Expo 2015.
La Camera di Commercio di Agrigento si è, infatti, da tempo attivata affinchè l’agroalimentare di eccellenza della provincia colga questa straordinaria vetrina internazionale per la sua valorizzazione anche in una chiave complessiva di marketing territoriale.
Diversi sono gli interventi programmati dal sistema camerale a livello nazionale e regionale, per promuovere la cultura e i contenuti della dieta mediterranea e per presentare un cluster di prodotti di eccellenza attraverso le imprese più qualificate della Sicilia, all’interno del quale sono inserite le imprese della provincia.
Inoltre, la Camera di Commercio di Agrigento, nell’ambito delle iniziative che la Regione sta intraprendendo con l’Assessorato Regionale alle attività produttive per la gestione diretta del cluster Expo 2015, partecipa attivamente al progetto che la Sac di Catania realizzerà nell’area vecchia dell’aerostazione dell’aeroporto di Catania, dove sarà allestita un grande spazio espositivo dove ospitare una vetrina dell’agroalimentare d’eccellenza.
“Portare avanti progetti che puntano a valorizzare le più significative realtà imprenditoriali dei settori trainanti della nostra economia – afferma il presidente della Camera di commercio di Agrigento Vittorio Messina – serve a rafforzare percorsi e azioni comuni che l’Ente sta sviluppando per la promozione del territorio. Fare conoscere i luoghi di provenienza e di produzione, ripercorrendone la filiera attraverso centri ricchi di storia e dalla natura incontaminata, credo rappresenti anche un contributo importante anche nella valorizzazione dell’offerta turistica regionale”.