Patto, NCD e FI: “Zambuto offende l’intelligenza degli agrigentini”

“Se il sindaco Zambuto si fosse costretto in un silenzio di pentimento, se avesse invocato scusa, o se, ancora meglio, si fosse dimesso, allora la sua sarebbe stata migliore figura. Invece, forse perchè ancora una volta male consigliato, ha scelto l’arma peggiore per difendersi : offendere l’ intelligenza degli agrigentini”. Così affermano i gruppi consiliari del Patto per il Territorio, Forza Italia e Nuovo Centrodestra di Agrigento a seguito dell’ incidente che ha provocato la morte di Chiara La Mendola e delle dichiarazioni del sindaco Zambuto secondo il quale Chiara La Mendola è stata vittima della burocrazia perchè l’appalto per la bitumatura di via Cavaleri Magazzeni è bloccato dalla burocrazia. Patto per il Territorio, Forza Italia e Nuovo Centrodestra dichiarano : “il parroco don Enzo Sazio ha dichiarato che 4 mesi addietro la buca che ha ucciso Chiara La Mendola è stata segnalata dai residenti in un incontro con Zambuto. E tanti sono stati i servizi giornalistici che ne hanno rilanciato la pericolosità. Il sindaco Zambuto, anzichè ordinare di transennare la buca o di riempirla con un poco di asfalto, ha dormito 4 mesi di sonni tranquilli, viaggiando su e giù da Firenze ed inviando alla stampa la sua foto insieme a Renzi. Adesso, con la stessa faccia che assume nella foto a fianco di Renzi, dichiara agli agrigentini che Chiara è stata vittima della burocrazia e del Governo nazionale perchè rende difficili le procedure di appalto. Quanto dichiarato da Zambuto è da brivido, è una grave offesa all’ intelligenza degli agrigentini. Basta, si vergogni e si dimetta”.