Sbarca a San Leone la “Missione di spiaggia” dei giovani

Sbarca a San Leone la “Missione di spiaggia” dei giovani. Tanta curiosità sul lungomare agrigentino dove si sta diffondendo la voce dopo gli annunci su internet e sui social network. Lo slogan sarà «Vivi al cento per cento». Lo stesso riportato in oro sulle t-shirt bianche e nere che saranno indossate dai giovani. Gli organizzatori spiegano che «il litorale, i pub e i locali notturni nel fine settimana saranno presi d’assalto da una schiera di giovani per incontri, momenti di confronto e di animazione». L’iniziativa, promossa dalla Diocesi di Agrigento, coinvolgerà le nuove generazioni agrigentine e i giovani turisti. «L’evento – aggiungono i promotori –torna a San Leone dopo una prima e ottima esperienza lo scorso anno. Ma sarà particolarmente rinnovata per coinvolgere sempre più le nuove generazioni. La formula è quella sperimentata con grandissimo successo e partecipazione anche in altre località balneari, soprattutto sulla riviera adriatica. Dopo Rimini, Riccione e Milano Marittima, la stessa formula infatti accenderà San Leone. Sarà un momento unico per quanti lo vivranno, un’emozione indescrivibile e indimenticabile». L’ufficio diocesano di Pastorale Giovanile spiega che i giovani che andranno in missione in spiaggia vivranno anche dei momenti di formazione e di animazione. Previsto anche un collegamento con la giornata mondiale della gioventù di Rio de Janeiro. «Saranno coinvolti chilometri di spiaggia agrigentina da Cannatello alla Scala dei Turchi che – continuano gli organizzatori – saranno percorsi dai giovani della diocesi che rivolgeranno ai loro coetanei un invito speciale ad un momento di riflessione sulla fede il cui slogan sarà “Vivi al cento per cento”. Ma l’evento continuerà sul lungomare, tra pub e locali notturni, dove si intensificherà l’attività dei ragazzi e ci sarà anche una speciale ”Beach edition” di ”Una Luce nella Notte”. Il resto –spiegano i promotori – sarà una grande sorpresa per tutti. Così come avvenuto sulla riviera adriatica dove giovani e villeggianti sono rimasti entusiasti».