Viadotto Morandi, Spataro: i mesi passano e i disagi restano, le Istituzioni intervengano

Il Viadotto "Akragas" chiuso

“I giorni e i mesi passano, ma dei lavori nessuna traccia”.

Il consigliere comunale di Agrigento, Pasquale Spataro, torna ad occuparsi della vicenda che riguarda la chiusura del ponte Morandi, importante e nevralgica arteria di collegamento nel sistema viario cittadino.

“Non si muove foglia – aggiunge – tutto è fermo a danno della comunità che subisce i disagi nel totale disinteresse di chi ha responsabilità di governo in questa nostra città e ruoli di rappresentanza istituzionale sia a  livello palermitano che romano.  Nei giorni scorsi il caso è tornato alla ribalta nazionale, ma solo  grazie ad un servizio, realizzato da Stefania Petix, in onda su Striscia la Notizia. Per il resto il silenzio più assoluto da parte dei palazzi della politica, quella che conta.  Occorre allora farci sentire e ribellarci a questo stato di cose, dal momento che l’unico intervento, fini qui effettuato dall’Anas, è quello della collocazione delle  transenne e della segnaletica che vietano la circolazione da e per Porto Empedocle e verso le frazioni di Villaseta e Monserrato. Per quanto mi riguarda – conclude Spataro – io non mollo e continuerò a fare la mia parte affinché la vicenda non finisca nel dimenticatoio. E confermo il mio costante impegno, attraverso interventi e appelli, per richiamare l’attenzione di chi ha competenza in materia in modo da  sollecitare l’avvio degli  interventi  di messa in sicurezza del viadotto Morandi, senza ulteriore perdita di tempo”.