Sanità. Firetto (Udc) interroga il governo sulla mancata attivazione della radioterapia ad Agrigento

Il deputato regionale Lillo Firetto, componente della Commissione Sanità dell’Ars, torna con un’Interrogazione al Governo Regionale a rimarcare la mancata attivazione del servizio di radioterapia presso il presidio ospedaliero “San Giovanni di Dio” di Agrigento. Un servizio previsto dal Piano sanitario regionale che prevede l’istituzione di una Unità complessa con quattro posti, per la quale l’Asp di Agrigento ha sottoscritto un contratto con la ditta appaltatrice per la realizzazione del reparto al fine di garantire il servizio ai cittadini di una provincia che ha un bacino di potenziale utenza sanitaria di 450 mila abitanti.
“Occorre senza indugi che risulterebbero colpevoli – afferma il deputato Lillo Firetto – avviare il cantiere per la realizzazione della radioterapia ad Agrigento, prevista al San Giovanni di Dio. Evitando stressanti viaggi in strutture di altre province a pazienti fisicamente e psicologicamente provati duramente. E’ incomprensibile che la provincia di Agrigento non disponga di alcuna struttura pubblica radioterapica e si costringano gli agrigentini alla mobilità verso province vicine quali Caltanissetta che, con un bacino d’utenza nettamente inferiore, dispone di ben due strutture!”.