Rigoli: “Il popolo akragantino venga ad aiutarci”

Incontro con la stampa per Pino Rigoli prima della partita di Coppa Italia contro il Foggia.

L’allenatore biancazzurro non ha nascosto quali siano le priorità della sua squadra: “La Coppa Italia, come tutte le competizioni, è da onorare – ha detto il mister -, ma dobbiamo darci delle priorità. Faremo turn over, ci sono dei giocatori che devono recuperare la forma e altri che non hanno giocato molto. Convocherò alcuni ragazzi della Berretti, oltre a quelli che già si allenano con noi”.

L’infermeria è gremita di difensori: “Capuano ha una piccola lesione al quadricipite, dovremmo recuperarlo a breve ma i tempi lo stabiliranno i medici. Marino si è allenato a parte mentre per Thiago ci vorrà ancora un po’. Stanno recuperando anche Aveni e Scrugli”.

Con l’Akragas si allena da alcuni giorni il difensore croato Ivan Simurina, 23 anni, 1,86 di altezza, che vanta anche tre presenze in nazionale Under 18: “E’ un ragazzo ragazzo disponibile ma devo valutarlo ancora. Non bisogna trascurare un possibile problema di adattamento degli stranieri”.

Il pensiero del tecnico messinese è comunque già proiettato alla partita di domenica: “Le vittorie sono la panacea di tutti i mali, noi dobbiamo stare con i piedi per terra. Non abbiamo ancora fatto nulla e non dobbiamo perdere l’obiettivo primario che è quello di fare punti.
I ragazzi ancora una volta hanno dato prova di carattere, di attaccamento alla maglia e alla loro professione e mi auguro che domenica il popolo akragantino possa dare un tributo a questi giocatori. In questo momento il loro apporto è fondamentale per dare un sostegno a questi ragazzi che stanno dando il massimo e lo stanno dimostrando,. Domenica la partita sarà la più difficile, l’Ischia è una squadra imprevedibile, nettamente migliorata dopo la sessione di calciomercato” ha concluso Rigoli.