L’Akragas sfiora il colpo a Catania, Plasmati acciuffa Zibert in zona Cesarini

Storico pareggio dell’Akragas all'”Angelo Massimino” di Catania, al termine di una partita giocata in maniera perfetta dall’undici di Legrottaglie e condotta in vantaggio fino a tre minuti dalla fine.

Chi dava i biancazzurri come “vittima” da sacrificare in nome dalla grande rincorsa del Catania verso le zone alte della classifica, dovrà ricredersi. Un pareggio che darà morale alla squadra agrigentina che guadagna un ottimo punto in ottica salvezza.
Un pari giusto, al termine di 94′ che hanno regalato emozioni a mai finire agli 11mila presenti allo stadio di Catania e a quanti hanno seguito il match su Sportube.

Legrottaglie, che aveva annunciato qualche problema di formazione, stupisce tutti mandando in campo una formazione con ben tre attaccanti, Madonia, Cristaldi e Leonetti, con l’ex Trapani tra i migliori in campo schierato a rinforzo del centrocampo.

Fenomenale la rete di Zibert che al 40 del primo tempo ha sbloccato il risultato. Un diagonale dalla zona d’attacco sinistra che non ha lasciato scampo a Bastianoni.
Il pareggio rossazzurro arriva nei minuti finali: Plasmati, lasciato troppo libero di controllare la palla scarica un sinistro che batte il discreto Vono.
In mezzo alle due reti, tantissime azioni da gol da una parte e dall’altra.
In pieno recupero, il Catania “rischia” addirittura di andare in vantaggio, ma il potente colpo di testa di Calil finisce la sua corsa sulla traversa e, sul capovolgimento di fronte, Di Piazza, subentrato un paio di minuti prima a Madonia, non riesce a coordinarsi bene per superare Bastianoni in uscita.
Da segnalare il rientro in campo di Almiron e, soprattutto, del ritrovato Peppe Savanarola che ha giocato l’ultimo scorcio di gara.
Grazie a questo pareggio, l’Akragas sale a 15 punti in classifica e si attesta al sesto posto.
Per il Catania, l’appuntamento con la “rincorsa” è rinviato ancora una volta.

IL TABELLINO

CATANIA-AKRAGAS 1-1

MARCATORI: 38′ Zibert, 87′ Plasmati

CATANIA (4-3-3): Bastianoni; Parisi, Pelagatti, Ferrario, Nunzella; Lulli (dal 61′ Musacci), Agazzi, Scarsella (dal 74′ Plasmati); Falcone (dal 30′ Calderini), Calil, Russotto. A disposizione: Ficara, Garufo, Bacchetti, Russo, Sessa, Barisic, Di Grazia, Rossetti. Allenatore: Pancaro

AKRAGAS (4-3-3)  Vono; Salandria, Marino, Capuano, Sabatino; Zibert, Vicente, Mauri (dal 74′ Almiron); Leonetti, Cristaldi (dal 78′ Savonarola), Madonia (dal 89′ Di Piazza). A disposizione: Maurantonio, Capraro, Blandi, Roghi, Fiore, Alfano, Lo Monaco. Allenatore: Legrottaglie

ARBITRO: Mainardi della sezione A.I.A. di Bergamo

AMMONITI: Leonetti, Lulli, Madonia, Capuano

RECUPERO: 1′, 4′

SPETTATORI: 11.516 di cui 6.030 paganti