Fiume Akragas, la quiete dopo l’esondazione