Rapina in pieno centro a Canicattì, diciottenne in manette

Fulmineo intervento dei militari dell’Arma. Catturato in pochi minuti, il responsabile del fatto criminoso. Aveva approfittato di un momento di distrazione di un minore 15 enne ed improvvisamente, all’interno di un bar ubicato in viale della Vittoria, gli aveva strappato dalle mani i soldi contanti con cui stava pagando il conto, proprio davanti alla cassa. Il minore, incredulo, non si è però perso d’animo ed ha cercato di rincorrere il rapinatore, venendo però subito aggredito e minacciato dal malfattore con un grosso coltello, desistendo quindi. A questo punto il 15 enne ha chiesto subito aiuto ad alcuni passanti. E’ scattato così l’allarme al “112”. I Carabinieri della Compagnia di Canicattì, giunti sul posto, hanno subito ascoltato alcune persone che avevano assistito alla rapina, effettuando un accurato sopralluogo sulla scena del crimine. Grazie alle preziose testimonianze raccolte ed alla visione delle telecamere presenti in zona, i Carabinieri hanno realizzato un identikit dell’autore del fatto e sulla base delle caratteristiche somatiche, i sospetti si sono presto incentrati su un 18 enne del luogo.

I militari dell’Arma, nel frattempo, hanno subito attivato le ricerche del fuggitivo ed un piano di posti di blocco in vari angoli della città. Proprio durante uno di questi posti di blocco, il 18 enne ricercato, G.S., è incappato al controllo, venendo riconosciuto. Durante l’immediata perquisizione, dal suo giubbino è saltato fuori il coltello utilizzato per minacciare la vittima, lungo oltre dieci centimetri. E così, in un paio d’ore, i Carabinieri hanno risolto il caso, stringendo le manette ai polsi del 18 enne con l’accusa di “Rapina”. L’Autorità Giudiziaria ha disposto che il giovane, in attesa dell’udienza di convalida, venga ristretto in carcere.