Violenze su moglie e figlia: palmese allontanato da casa

Nel pomeriggio di ieri, la Polizia di Stato ha eseguito in Palma di Montechiaro a carico di Giuseppe Incardona cl’77, un’ordinanza emessa dal GIP presso il Tribunale di Agrigento, su richiesta della locale Procura della Repubblica, con la quale è stata disposta la misura cautelare dell’allontanamento dalla casa familiare e del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa.

All’Incardona vengono contestati gravissimi reati che sarebbero stati commessi all’interno della casa familiare ad iniziare dal 2015, e commessi principalmente in danno del coniuge, di una delle figlie, e degli altri due, che, seppur non coinvolti in prima persona hanno dovuto assistere a scene di inaudita violenza,  costretti a vivere in un ambiente che ben poco si addice allo sviluppo di un individuo.

L’uomo in questi anni si sarebbe reso responsabile di gravi violenze verbali, giungendo ad apostrofare con pesanti epiteti sia la moglie che la figlia, ma anche fisiche, giacché avrebbe più volte stretto le braccia intorno al collo delle due donne, quasi a strozzarle, proseguendo con morsi alle loro guance, nonché con pugni e calci in varie parti del corpo.

L’Incardona, dopo essere stato individuato e rintracciato raggiunto dai poliziotti del Commissariato di P.S. di Palma di Montechiaro, è stato accompagnato presso gli uffici per la stesura degli atti e sottoposto a rilievi foto dattiloscopici.