La Fortitudo vince all’Overtime, battuto Napoli

Foto di Giuseppe Rigoli

Serve l’Over time alla Fortitudo Agrigento per battere Cuore Napoli basket. I padroni di casa si impongono con il risultato di 93 a 86. Super partita di Jalen Cannon che chiude con 36 punti e 16 rimbalzi. Al pronti via Napoli ha un approccio superbo, Agrigento prova a reagire ma Mascolo – ex biancazzurro – trova combinazioni vincenti, portando via il primo periodo gioco con punteggio di 14 a 21. Nel secondo periodo la Fortitudo reagisce bene, è Zugno subentrato dalla panchina a non sbagliare.

Pepe con il gioco da tre punti porta Agrigento in avanti e Guariglia schiaccia e fa applaudire il PalaMoncada.

I biancazzurri, però, frenano con le triple di Turner, l’americano chiuderà con 38 punti. E’ Agrigento a cercare e conquistare spazio ancora con il duo Cannon-Zilli. Il secondo periodo di gioco si chiude con il punteggio di 41 a 40, grazie ad una tripla nel finale di Pepe.

Nel terzo quarto Agrigento cambia volto. Il parziale di 7 a 0 ingabbia Napoli, Cannon non sbaglia nulla e Zilli continua a fare bene con Ambrosin a supporto. Il terzo periodo di gioco si chiude con il punteggio di 66 a 55.

Nell’ultimo quarto succede di tutto, Cannon trova canestri figli della caparbietà, Ciani chiama alta la concentrazione e Napoli capisce che Agrigento perde lucidità. Gli ospiti alzano il tiro e da – 7 si portano in parità. Mascolo si gioca il tutto per tutto, i campani raggiungono Agrigento 77-77, è Pepe tenta il colpo ma sbaglia: è over time.

Turner scappa via alla difesa, Agrigento si “riprende” la partita e la vince, gioco da tre punti di Cannon e partita che si chiude sul 93 a 86.

Franco Ciani: “Storicamente partite come queste nascondono mille insidie. L’approccio rischia di essere morbido. Ci sono mille variabili emotive che non aiutano ad essere concentrati. La componente di rischio in queste situazioni è frequente. L’inizio è stato soft, poi nel terzo quarto avevamo messo la partita nel binario giusto. Bisogna capire che non c’è niente che possa essere regalato. Ogni minuto che ognuno spende in campo deve spenderlo nella massima attenzione. Tutto questo, nel finale è mancato”.

Moncada Agrigento – Cuore Napoli Basket 93-86 (14-21, 29-20, 23-14, 11-22, 16-9)

Moncada Agrigento: Cannon 36 (17/25, 0/2),  Pepe 17 (1/4, 4/9),  Zilli 12 (5/9, 0/0),  Williams 8 (2/5, 0/1), Ambrosin 8 (3/6, 0/6), Evangelisti 4 (0/2, 1/6), Zugno 4 (2/2, 0/0),  Guariglia 4 (2/6, 0/0), Lovisotto 0 (0/1, 0/0), Cuffaro 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 14 / 15 – Rimbalzi: 49 17 + 32 (Jalen Cannon 16) – Assist: 13 (Pendarvis Williams 4). All Ciani, ass Dicensi

Cuore Napoli Basket:  Turner 38 (8/14, 6/16),Mascolo 22 (5/10, 2/4),Mastroianni 10 (0/1, 2/3), Vangelov 10 (3/5, 0/0),  Thomas 4 (2/3, 0/3), Caruso 2 (1/3, 0/0), Ronconi 0 (0/2, 0/2),  Gallo 0 (0/0, 0/0), Zollo 0 (0/0, 0/0),  Puoti 0 (0/0, 0/0). All Bartocci

Tiri liberi: 18 / 22 – Rimbalzi: 31 6 + 25 (Elston jr Turner 8) – Assist: 10 (Jermaine Thomas 4)

(Foto di Giuseppe Rigoli)