Agrigento: discariche abusive e diserbamento, l’Amministrazione comunale corre ai ripari

La città non è mai stata così sporca. Agrigento, da quando è partita la raccolta differenziata, è un “fiorire” di discariche e di sacchi abbandonati dappertutto. Colpa dell’incività della gente e dell’amministrazione comunale che forse avrebbe dovuto organizzarsi meglio.

Il risultato è sotto gli occhi di tutti: non c’è angolo di marciapiede in cui, tra cespugli di erbacce non estirpati, non si veda anche dell’immondizia.

Da qualche giorno, l’Amministrazione ha avviato un’azione di rimozione delle discariche abusive.

L’Assessore all’ecologia Nello Hamel di concerto con il Sindaco Lillo Firetto ha avviato la bonifica delle discariche di via degli Angeli (2 postazioni), Via delle Mura (3 postazioni) Via Bac Bac, Via Toniolo (3 postazioni), Via Caruso Lanza (pressi innesto via Manzoni), Via Petrarca, Via San Francesco, Via Santa Lucia, Via delle Araucarie, Fondacazzo ( area conferimento per utenze sparse) Cda Gibisa (area conferimento per utenze sparse, C/da Maddalusa presso ex villa Forgia). Nei prossimi giorni verrà effettuata la rimozione dei rifiuti abbandonati nella via Farag, parte alta di C/da Maddalusa.

Nello stesso tempo sarà potenziato il servizio di vigilanza e di controllo sul territorio che consentirà di sanzionare pesantemente i trasgressori e gli incivili che abbandonano abusivamente i rifiuti.

Subito dopo le feste partirà il servizio di discerbamento con interventi su tutto il territorio della città.