Estorsioni e droga: denuncia aguzzini, 2 arresti a Licata

Non voleva piu’ subire e cosi’ ha deciso di raccontare la sua storia ai carabinieri. Un 48 enne, licatese, temendo per la propria incolumita’, ha deciso di varcare il portone della caserma dell’Arma, descrivendo ai militari la vicenda in cui era rimasto coinvolto. Ed infatti la vittima si era infilata proprio in una brutta situazione. Aveva acquistato, a credito varie dosi di cocaina per un valore complessivo di circa 2.000 euro, ma non era piu’ riuscito a pagare il debito contratto con i suoi fornitori, due uomini, un 39enne e un 43enne di Canicatti’.

I carabinieri della Compagnia di Licata hanno fatto immediatamente scattare le indagini, sin da subito coordinate dal Pm di Agrigento. I militari, con intercettazioni e pedinamenti, sono riusciti a documentare anche gli incontri e le richieste estorsive avanzate dai due, arrivati a pretendere la cessione di un terreno agricolo di proprieta’ della vittima del valore di circa 12.000 euro, a fronte del debito di 2.000 euro. La triste storia, all’alba di oggi, ha avuto il suo epilogo. Su ordine del Gip del Tribunale di Agrigento, i carabinieri hanno fatto scattare le manette ai polsi di Michele Amato, 43 anni, e Antonino Chiazza, 48, finiti in carcere.