Casteltermini, ricordato il carabiniere Cannella: morì mentre prestava soccorso ai terremotati del Belice

Oggi, 25 gennaio 2018 a Casteltermini, è stata celebrata la ricorrenza del 50° anniversario della scomparsa del Carabiniere Ausiliario Nicolò Cannella, Medaglia d’Oro al Valor Civile “alla memoria”, deceduto nell’adempimento del dovere in Gibellina, mentre prestava soccorso alle popolazioni della  Valle del Belice colpite da devastante sisma.

Per la circostanza, alle 10.00 – presso il locale cimitero – è stata deposta una composizione floreale sulla tomba del militare vittima del dovere, alla presenza dei familiari e delle Autorità civili e militari provinciali. La presenza di un picchetto d’onore e le note del “silenzio” scandite dal trombettiere del 12° Reggimento Carabinieri “Sicilia” hanno conferito ulteriore solennità al momento religioso, suggellato dalla benedizione impartita dal Cappellano Militare, Don Mario Raneri.

Successivamente, alle 10.30 presso la Chiesa Madre di Casteltermini, il Cappellano Militare – unitamente all’Arciprete (Don Giovanni Diliberto) – ha celebrato una Santa Messa, alla quale hanno partecipato i familiari del decorato, il Colonnello Salvatore Sgroi (Comandante del 12° Reggimento Carabinieri “Sicilia”), le massime Autorità della Provincia e il Sindaco di Casteltermini (Sig. Gioacchino Nicastro). Presenti anche le rappresentanze del 12° Reggimento Carabinieri “Sicilia” e dell’Associazione Nazionale Carabinieri delle Sezioni di Agrigento e Santo Stefano Quisquina (Ag), nonché una rappresentanza di circa 50 studenti delle scuole di ogni ordine e grado di Casteltermini.

Per la tragica scomparsa del Carabiniere Ausiliario Nicolò Cannella, venne tributata alla vittima del dovere la Medagliad’Oro al Valor Civile “alla memoria” con la seguente motivazione:

“In occasione di disastroso movimento sismico che aveva provocato numerosissime vittime, oltre ad ingentissimi danni, si prodigava per più giorni, con coraggio ed abnegazioni non comuni, in estenuanti e rischiose operazioni di soccorso in favore delle popolazioni colpite. Sorpreso da una nuova violenta scossa tellurica, noncurante del grave pericolo incombente, continuava la propria azione incitando a viva voce gli altri soccorritori con lui operanti a porsi al riparo, finché, travolto dalle macerie di ruderi circostanti, faceva olocausto della vita. Esempio mirabile di altissimo senso del dovere e di elette virtù civiche”.

Gibellina (Tp), 25 gennaio 1968