Furto al “Fermi”: due arresti

Nella tarda mattinata di mercoledi’ 10 gennaio, la Polizia di Stato di Agrigento ha tratto in arresto Gioacchino Ripellino, 51 anni, e Salvatore Avarello, 44 anni, entrambi originari di favara ma residenti nel capoluogo, in quanto colti nella flagranza del reato di furto aggravato.
I due sono stati sorpresi mentre si allontanavano dalla vecchia sede dell’Istituto professionale “Enrico Fermi” a bordo della loro autovettura sulla quale avevano caricato del materiale appena trafugato.
Dopo le formalita’ di rito, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, gli arrestati sono stati condotti presso le rispettive abitazioni e posti agli arresti domiciliari.
Avarello, gia’ noto alle forze di Polizia, all’atto dell’arresto risultava sottoposto alla misura cautelare dell’obbligo di dimora nel comune di Agrigento, nell’ambito di altro procedimento penale. L’uomo nella notte del 6 gennaio scorso, era stato tratto in arresto da un equipaggio della “Volante” in piazza Fontanelle poiche’ colto nella flagranza del reato di furto aggravato.
L’operazione, condotta dagli agenti della Squadra Mobile, si inserisce nell’ambito del vasto piano di potenzionamento ed intensificazione dei servizi di controllo del territorio disposti dal questore Maurizio Auriemma, nel contesto di un ampio rafforzamento dei dispositivi di prevenzione in tutta la provincia.