“Democrazia partecipata”, nota del Consigliere comunale del Movimento 5 Stelle Marcella Carlisi

Il Consigliere comunale del Movimento 5 Stelle Marcella Carlisi ha trasmesso al Sindaco Calogero Firetto una nota relativa alla problematica della “Democrazia partecipata”.

Il Consigliere Carlisi fa presente al Sindaco che a seguito di un incontro avuto ieri mercoledì 15 febbraio con diversi cittadini, in cui si sono affrontate diverse opzioni utili al previsto sondaggio per la “democrazia partecipata”.

Nella circostanza sono emerse alcune proposte relative ad alcune voci potenzialmente utili per essere prese in considerazione nel processo di valutazione ai fini della destinazione del budget destinato, dalla Regione Sicilia, alla cosiddetta “Democrazia partecipata”.

Per quanto sopra il Consigliere Marcella Carlisi chiede all’Amministrazione comunale di valutare le proposte che di seguito si indicano al fine dell’inserimento delle stesse voci nel sondaggio da proporre ai cittadini, tenuto conto, sottolinea Carlisi, che il Sindaco ha manifestato disponibilità a considerare una nuova proposta in merito, segnalata da una cittadina.

Carlisi, nella nota trasmessa a Firetto, chiede pertanto di valutare le seguenti proposte:

– Tessere acqua gratis per indigenti (dopo implementazione casette per acqua)
– Fondi per smaltimento eternit per i cittadini che si autodenunciano
– Aiuto studenti meritevoli (borse di studio universitarie, buoni per libri anche per scuole superiori)
– Scuolabus e servizio
– Bagni pubblici
– Progetti di prevenzione della ludopatia
– Antica Akragas in miniatura costruita da artigiani agrigentini
– Area fitness Parco Icori
– Bronzo di Pirandello in movimento (esempio: che scruta il mare) da istallare in centro città (esempio: piazza San Pietro).

Il Consigliere del Movimento 5 Stelle Marcella Carlisi, infine, nello spirito di collaborazione e fattiva proposizione tra cittadini, consiglieri ed Amministrazione comunale, chiede che quanto sopra proposto possa essere valutato, al fine di destinare le somme per la “democrazia partecipata” ad opere di reale interesse ed utilità per i cittadini e per Agrigento.