Home Dai Comuni Favara, in arrivo bollette TIA da Agrigento: interrogazione al sindaco

Favara, in arrivo bollette TIA da Agrigento: interrogazione al sindaco

478 views
0

I consiglieri comunali di Favara, Calogero Castronovo e Laura Mossuto, hanno presentato un’interrogazione urgente al sindaco di Favara, Anna Alba, relativa agli avvisi di pagamento del servizio di Igiene ambientale 2011 ricevuta dal Comune di Agrigento.

“Si tratta di un invito a pagare bollette, tra l’altro, molto salate e non dovute – dicono i consiglieri nell’interrogazione -, trattandosi di un sito non servito da parte del Comune capoluogo che, come è noto, non espleta e non ha mai espletato nessun intervento di igiene ambientale.

Tra l’Amministrazione del Comune di Favara (Sindaco Manganella) e quella di Agrigento (Sindaco Zambuto) – prosegue l’interrogazione – era stato concordato, alla presenza anche di una delegazione di nostri concittadini residenti nella zona Favara Ovest, era stato concordato che il Comune di Favara si sarebbe fatto carico (cosa che è sempre avvenuta) della raccolta, trasporto e spazzamento della più volte citata area, nonché di assicurare il servizio di illuminazione pubblica, mentre i cittadini residenti in quel territorio avrebbero pagato il tributo per la Tarsu e per l’IMU/ICI al Comune di Favara e che, per gli anni precedenti, Agrigento avrebbe versato quanto incassato illegittimamente per tutti i servizi  al nostro Ente;

noncurante per nulla dell’accordo di cui sopra, il Comune di Agrigento continua a chiedere il pagamento di una somma non dovuta per – si sottolinea ancora una volta – un servizio mai reso;

addirittura parecchi cittadini “favaresi” – pur avendo già pagato il canone al Comune di Favara – si sono visti recapitare lo stesso il bollettino di pagamento (oltre al danno anche la beffa)”.

I consiglieri chiedono cosa intende fare il Comune di Favara per mettere fine a questa squallida vicenda che sta tormentando molte famiglie favaresi; se non ritiene doveroso ed urgente convocare il Sindaco di Agrigento per concordare un intervento che metta fine a questa vicenda tutta pirandelliana e, nel frattempo, chiedere la sospensione immediata del pagamento. Infine chiedono di conoscere a che punto è la pratica sulla rettifica dei confini con il Comune di Agrigento e Favara.