Grotte: incontro con Musumeci e Savarino del Comitato per il NO

incontro-musumeci-grotteProsegue il calendario degli eventi promossi in Sicilia dal Movimento Civico “Diventeràbellissima” che dalla metà del mese di ottobre ha istituito un Comitato per il NO alla riforma costituzionale  coordinato dal docente universitario Ignazio Buttitta e da Raffaele Stancanelli, avvocato ed ex sindaco di Catania.

Al Comitato hanno aderito numerosi rappresentanti del mondo istituzionale, accademico e delle libere professioni, appartenenti ad aree politiche diverse che si propongono di far conoscere le motivazioni che ritengono debbano essere valutate per un voto contrario al referendum del prossimo 4 dicembre. In merito, venerdì 18 novembre, alle ore 18.00, presso il Centro Polifunzionale “S.Nicola” di Grotte si terrà un incontro aperto alla cittadinanza. L’evento, organizzato e moderato da Aristotele Cuffaro, vedrà impegnati il Presidente della Commissione Antimafia dell’Ars e leader dell’opposizione Nello Musumeci e l’Avvocato Giusy Savarino, già parlamentare regionale.

“Il referendum impone a ciascuno di noi – ha affermato Musumeci all’atto dell’insediamento del Comitato – una mobilitazione contro questa finta riforma voluta dal governo Renzi. Riteniamo che la centralità del cittadino e il suo diritto inalienabile ad essere protagonista dei processi decisionali nelle articolazioni dello Stato sul territorio, non possano essere messi in discussione. Se passasse questo referendum, si consoliderebbe in Italia una democrazia senza popolo. Questa riforma è solo una ignobile truffa. Il nostro NO – ha proseguito il parlamentare regionale – vuole essere anche una scelta politica chiara: ha sbagliato Renzi a personalizzare il referendum e sbaglia la ministra Boschi quando arriva a dire che la vittoria del SI consentirà di combattere meglio il terrorismo. Noi siamo convinti che la riforma debba arrivare da un’Assemblea Costituente, votata con sistema proporzionale dai cittadini, e con il compito di concepire un riassetto armonico delle istituzioni statali e locali”.

Il Comitato scende quindi in campo convintamente per il No al referendum costituzionale, una riforma che ritiene riduca gli spazi della democrazia, che introduce un monocameralismo imperfetto che rischia di creare ancora maggiore confusione e lentezza nel procedimento legislativo, ma soprattutto una riforma che non taglia alcun costo della politica. “Saremo presenti in tutta la Sicilia – ha sottolineato la Savarino – per far sentire le ragioni del NO, per incontrare i cittadini e i rappresentanti delle istituzioni e per ascoltare le voci che arrivano dal territorio, che sono l’essenza stessa del nostro programma di democrazia partecipata”. Queste e altre le motivazioni dell’incontro che avrà luogo a Grotte e a cui la cittadinanza è invitata a partecipare.