L’associazione “Insegnanti in movimento”, domani alle ore 10.30 si recherà presso gli uffici dell’Usp di Agrigento per manifestare il proprio disappunto sugli esiti della mobilità.

”Anche quest’anno la mobilità interprovinciale é stata a favore unico di beneficiari di L.104 – spiega Salvatore Liotta, segretario dell’Associazione -. Un fenomeno che invece di arrestarsi continua a proliferare nuovi beneficiari. Finora le commissioni mediche hanno revocato 350 benefici, ma nessun provvedimento retroattivo è stato preso in considerazione. Che consente ai furbetti di non essere più spostati dalla provincia. Chiediamo alle istituzioni l’immediata revisione medica dei trasferiti e di adottare quei provvedimenti retroattivi indispensabili per fermare un fenomeno di illegalità che è destinato a continuare senza i dovuti accorgimenti.

hiediamo inoltre alle istituzioni agrigentine di portare avanti con impegno la nostra causa soprattutto presso le sedi ministeriali” conclude Liotta.