AKRAGAS Giavarini: “Finora solo parole, impossibile l’iscrizione in Lega Pro”

In merito alle notizie diffuse in questi giorni, il presidente onorario Marcello Giavarini, con il seguente comunicato stampa intende chiarire lo stato delle cose alla giornata di oggi.

“E’ necessario fare una cronistoria delle vicende che hanno accompagnato la società biancoazzurra subito dopo la fine del campionato a partire da venerdì 20 maggio quando è stata convocata l’assemblea dei soci, assemblea voluta da me, per discutere l’iscrizione dell’ Akragas al nuovo campionato di Lega pro. Nel corso dell’ assemblea ho espresso la mia volontà che per iniziare il nuovo campionato tutti i soci devono formare un fondo cassa per coprire le spese di avvio e per far ciò ci siamo dati tempo fino a giorni 27 dello stesso mese in modo da permettere ai soci di aderire ognuno per la propria quota parte. Solamente dopo tale conferimento da parte di tutti i soci avremmo iscritto la squadra al campionato 2016/2017.

Nel corso dell’assemblea ho ascoltato tante belle parole da parte di alcuni soci: chi era in trattativa con alcuni sponsors, chi era in trattativa con qualche gruppo che voleva entrare come socio con apporto di capitali. Personalmente ho manifestato la mia piena disponibilità a tutte le condizioni prospettate ma entro un termine preciso e cioè entro il 27 maggio tutte le ipotesi avanzate dovevano concretizzarsi altrimenti se i soci non avessero coperto o ceduto le loro quote noi non avremmo iniziato un nuovo campionato con l’attuale struttura societaria.

La scorsa settimana, l’assessore comunale Giovanni Amico, grande tifoso dell’Akragas, si e’ messo a disposizione dichiarando che lui si sarebbe impegnato a recarsi a Roma per trovare altri nuovi soci pronti ad entrare nell’Akragas per sostituire chi, all’interno della società, non e’ stato e non e’ in grado di rifinanziare l’Akragas per il nuovo campionato.

Di fronte al buon proposito da parte dell’assessore io mi sono impegnato ad aspettare prima di prendere la mia decisione, se continuare o no con l’Akragas, dando tempo fino al 7 giugno, perché se dopo tale scadenza non fosse stato operativo il fondo economico per finanziare il nuovo campionato, i tempi per l’iscrizione sarebbero venuti meno.

Ieri lunedì 6 giugno ci siamo incontrati con il signor Mario Privitera, di cui si e’ parlato parecchio la settimana scorsa come probabile investitore nell’Akragas, in rappresentanza di un gruppo romagnolo. All’incontro erano presenti, oltre al sottoscritto, anche Silvio Alessi, il dottore Piero Tamburo, l’avvocato Enzo Caponnetto e il signor Mario Privitera. Dopo una lunga riunione, il signor Privitera, ha manifestato, in maniera chiara, la sua impossibilita’ ad entrare come socio investitore nell’Akragas, né come persona privata, né da parte del gruppo romagnolo. Lo stesso Privitera ha manifestato la sua disponibilità come collaboratore commerciale.
Sul fronte degli investitori romani, così come era stato ipotizzato da parte dell’assessore Giovanni Amico, siamo arrivati al 7 giugno e ancora nessun segnale è pervenuto da parte loro.

Nonostante ciò, ieri mi sono sentito con l’ assessore il quale mi ha comunicato che probabilmente le trattative andranno per le lunghe.
Oggi, con mio grande rammarico, verifico che nessuno dei soci ha versato i soldi per finanziare il nuovo campionato dell’Akragas e che tutte le chiacchiere di sponsors o nuovi soci sono rimaste soltanto parole, chiacchiere e illusioni e niente di concreto. A questo punto io mi chiedo se e’ il caso per me di restare ad investire soldi e tempo in una città come Agrigento dove a pochi interessano le sorti dell’Akrags?

Ricordando alla città e agli sportivi dei miei buoni propositi e che sono venuto ad Agrigento ad investire soldi per l’ Akragas senza chiedere nulla in cambio, adesso la possibilità di iscrivere la squadra al prossimo campionato da socio unico e’ alquanto remota.

A me non interessa possedere l’Akragas da socio unico; io non sono integrato e non vivo ad Agrigento e per cui non rientra nei miei piani. Io ho sempre detto che per la mia quota parte di soldi ci sono stato e ci sarò’ sempre ma se i miei soci hanno deciso di non iscrivere la squadra non versando il capitale che serve io non posso fare altro che accontentarli. Per cui alla luce degli ultimi fatti e cioè la mancanza di nuovi soci che potessero sostituire chi non può sostenere il passo all’Akragas e la mancanza di un fondo cassa da parte dei soci per iniziare il nuovo campionato, io mi prendo qualche giorno di riflessione.
Ribadisco ancora una volta che sono disposto a cedere le mie quote a qualche imprenditore o una cordata di imprenditori agrigentini o meno, seri e solvibili e che abbiano a cuore le sorti dell’Akragas. Chi sia interessato si faccia avanti“.