Home Dai Comuni Agrigento CUPA Salta l’assemblea dei soci Anno accademico a rischio

CUPA Salta l’assemblea dei soci Anno accademico a rischio

280 views
0

Riceviamo e pubblichiamo

L’Assemblea dei soci del CUPA, convocata il 3 maggio per deliberare sull’offerta formativa 2016/2017, come espressamente richiesto con nota dell’Ateneo di Palermo, dove si legge “entro e non oltre il 4 maggio”, non si è tenuta per l’assenza, ancora una volta, dei rappresentanti della Camera di commercio e dell’ex provincia regionale di Agrigento. E ciò nonostante le reiterate affermazioni pubbliche da parte dei due soci fondatori di voler mantenere il decentramento universitario ad Agrigento.

Era presente soltanto il sindaco di Agrigento, Calogero Firetto, e la rappresentante dell’ordine degli architetti di Agrigento, Maria Giglia.

Della notevole importanza del punto all’o.d. dell’Assemblea i soci erano ben consapevoli essendo stato allegata alla convocazione la richiesta dell’Ateneo, con la relativa imprescindibile tempistica. Così come gli stessi erano e sono pienamente consapevoli del fatto che l’attuale CDA, in regime di prorogatio, (e non più legittimato, pertanto, ad assumere decisioni così delicate), non avrebbe potuto deliberare sull’offerta formativa, come invece aveva responsabilmente fatto in passato, in mancanza di una precisa assunzione di responsabilità da parte dei soci. 

Il CDA del Cupa all’unanimità stigmatizza tale comportamento che privilegia interessi particolari ed egoistici a scapito dell’interesse generale degli studenti, delle loro famiglie, del territorio.

Il Consiglio non ha infatti potuto comunicare, per la prima volta, all’Ateneo di Palermo alcuna decisione circa la possibilità di avviare i Corsi di Studio per il prossimo anno accademico 2016/2017.

Questa decisione, tanto attesa dagli studenti e dalle loro famiglie, quasi sicuramente non arriverà agli organi di governo dell’Università di Palermo entro i tempi utili più volte e con tutte le forze sottolineati dal CdA del CUPA. Così, con grande probabilità non si attiveranno per l’anno accademico 2016/2017 i Corsi del Polo agrigentino e tra questi anche quelli che per molti anni hanno dato lustro e rilevanza all’Offerta Formativa, quali Architettura e Giurisprudenza, dando modo a molti studenti di diventare bravissimi e affermati professionisti.