MandorlAra, vince il ristorante Aguglia Persa

Il ristorante Aguglia Persa è il vincitore del Concorso “MandorlARA – La Sagra del Mandorlo a Tavola”.
Una competizione che ha visto la partecipazione dell’eccellenza della gastronomia agrigentina in una miscela di grande entusiasmo e professionalità.
Guidati dal team di Electrolux Sagrim, che ha mirabilmente condotto i ristoratori alla presentazione del piatto in gara, gli chef hanno dato vita ad un evento di altissimo livello che ha pienamente coinvolto il pubblico presente.
A testimonianza di questo il livello della giuria, composta da grandi professionisti della nostra città: Totò Gambuzza gran maestro chef executive, Sergio Sinagra presidente associazione cuochi di Agrigento Francesco Picarella presidente Confcommercio Agrigento, Massimo Brucato Slow Food Agrigento, Francesco Baldacchino delegato AIS Agrigento.
La giuria ha apprezzato con stupore e soddisfazione il grande lavoro che sono riusciti a realizzare i ristoratori che hanno messo in evidenza l’ottimo livello di qualità raggiunto.
In quest’ottica Totò Gambuzza ha dichiarato la volontà di costituire un team di ristoratori che rappresenti Agrigento nei prossimi immediati eventi dato che ormai “con tale livello possiamo iniziare a  lavorare per individuare il piatto Agrigentino della tradizione”.
La classifica della giornata, come detto, ha visto trionfare il ristorante Aguglia Persa con le sue Polpette di pesce spada con maionese di mandorle, al secondo posto si è classificato il ristorante Mirasole con i suoi Gnocchi di mandorla ,con  vongole , vellutata di zucchine ed al terzo posto si è piazzato il ristorante Kokalos con i Trancetti di pesce spada mandorlato e nero di seppia e tortino di Gamberoni rossi su vellutata di patate.
“Siamo molto soddisfatti dell’esito del concorso – dichiara il presidente del Consorzio Turistico Valle dei Templi, Fabrizio La Gaipa -. La ristorazione agrigentina ha evidentemente imboccato quel percorso di eccellenza indispensabile per consolidare lo sviluppo turistico del territorio. Per questo motivo il Consorzio accoglie con viva soddisfazione l’invito dello chef Gambuzza, offrendo sin da ora al suo mirabile progetto amplissima disponibilità”.