Nuccia Palermo (PDR) chiede censimento, mappatura e programma per ripristino strade e marciapiedi

“Chiediamo ufficialmente, ed abbiamo già protocollato Question Time con in oggetto tale richiesta, quali siano gli interventi in programma per il ripristino di strade e marciapiedi nel comune di Agrigento”.

A chiedere ufficialmente il censimento, la mappatura ed il programma per gli interventi di ripristino di strade e marciapiedi dell’intero comune Agrigentino è stata la Capogruppo del PDR (Sicilia Futura) Nuccia Palermo.

“Tra i primi compiti dell’amministrazione attiva vi è proprio quello di tutelare l’incolumità pubblica oggi messa a serio rischio grazie all’incuria della cosa comune. Strade e marciapiedi versano in grave stato di abbandono e ciò non favorisce il cittadino nel poter vivere pienamente e con serenità la propria vita in città”.

“Voglio ricordare al primo cittadino, che spesso sottolinea di essere amante del bello e della cultura – incalza il Capogruppo Palermo – che innanzi tutto urge rendere sicure le nostre strade. E in virtù del principio di trasparenza che le amministrazioni tutte sono tenute ad osservare, chiediamo quali siano stati ad oggi gli interventi effettuati ed in quali zone”.

“Non possiamo correre il rischio di una eventuale disparità che porterebbe a dividere i cittadini in cittadini di serie A e cittadini di serie B. Oggi, dunque – continua Palermo – chiediamo se vi sia una programmazione che non interessi solo alcune zone ma che veda una serie di interventi a pioggia su tutto il comune di Agrigento, con previa mappatura e censimento, dando così una visione corretta e completa della stato dell’arte”.

“Ricordiamo al Primo Cittadino Lillo Firetto, infine – conclude Palermo – che gli ultimi consigli comunali hanno visto come oggetto di discussione debiti fuori bilancio scaturiti per la maggior parte dall’incuria in cui versano le nostre strade ed i nostri marciapiedi. Incidenti che, soprattutto se danneggiano il cittadino in modo grave, ledono, impoverendole, le già povere casse dell’Ente Comune”.