“La Valle della Memoria”. La Religiosità popolare ed il lavoro contadino nella Valle dei Templi di Agrigento

Il 10 agosto debutta ad Agrigento nella stupenda cornice della “latomia Mirabile” – Casa Pace, nel cuore della Valle dei Templi di Agrigento, a pochi passi dal tempio della Concordia, la mostra “La Valle della Memoria” – La Religiosità popolare ed il lavoro contadino nella Valle dei Templi di Agrigento- , un’ampia panoramica storico-artistica dell’agrigentino Roberto Vanadia che racchiude in se il senso di una intensa attività di ricerca e di studio della dimensione etnostorica della Valle dei Templi, organizzata dall’Homo Faber Studio in collaborazione con il Parco valle dei templi di Agrigento.
L’artista agrigentino ha realizzato un vero e proprio museo in miniatura dell’architettura rurale nel quale trovano espressione i cicli produttivi praticati nella vallata di Girgenti tra il 18° ed il 19° secolo, riuscendo a ricreare il colore e la suggestione di una vita antica, di una esistenza largamente partecipata.
La Professoressa Annamaria Amitrano Savarese – docente di antropologia nell’Università di Palermo, curatore scientifico del “fare artistico” di Roberto Vanadia, ha inteso definire le opere in esposizione come veri e propri documenti plastici nei quali leggere la storia dei costumi, delle attività e della religiosità dalle comunità contadine della Girgenti pre-industriale.
La mostra è prodotta dalla Homo Faber Studio con la collaborazione dell’associazione culturale NonSoStare. Questo nuovo ed ambizioso progetto – dicono gli organizzatori Andrea Vanadia e Gioele Farruggia – rientra nella vasta progettualità di proposte culturali e certamente vuole contribuire alla promozione dell’identità siciliana.
La mostra visitabile fino al 30 di Novembre prevede il biglietto d’ingresso aggiuntivo di Euro 1,50.

Articoli consigliati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Follow Me!