Tutto pronto per la Seconda Edizione dell’Agrigento Jazz Festival

ag_jazz_festival_2015Dal prossimo 30 luglio, dopo il notevole  successo di critica e pubblico riscosso nella prima edizione, apre nuovamente il sipario l’Agrigento Jazz Festival, concerto di musica jazz in quattro serate nella suggestiva location ai piedi del Tempio di Giunone. Il progetto, che  nasce dall’idea di alcuni giovani agrigentini di Mennulavirdi E20, una newco del settore eventi e comunicazione dell’agrigentino, riunisce addetti ai lavori, artisti, appassionati del genere Jazz e amanti della buona musica e sarà articolato con una formula che vedrà alternarsi alcuni tra i nomi più noti della scena jazzistica nazionale e internazionale.

 Gli artisti che si esibiranno durante le quattro serate della manifestazione garantiranno, infatti, il prosieguo dell’elevatissimo livello raggiunto già nella prima edizione.  In calendario giovedì 30 luglio Laura Lala sicilian quartet in “Siddu moru” dove il fraseggio tipico del jazz incontrerà la tradizione culturale siciliana in un intreccio di risultati sorprendenti  in cui sono protagoniste composizioni originali con i testi in dialetto siciliano e in italiano che raccontano briciole di vita e sentimenti universali. La suadente voce di Laura Lala sarà accompagnata da Claudio Giambruno ai sassofoni,  Sede Mangiaracina al pianoforte, Carmelo Venuto al contrabbasso ed Emanuele Primavera alla batteria. Venerdì 31 luglio sarà la volta di  Joey Calderazzo trio feat JC, Eric Revis & Justin Faulkner .

 Si sottolinea che Calderazzo per anni ha suonato con Michael Brecker, fondatore degli Steps Ahead, e ultimamente con Bradford Marsalis sassofonista di Sting. Sabato 1 agosto la serata sarà animata da Fala Brasil Samba chic con un repertorio che spazia dalla tradizione dello Choro, Bossa Nova e Samba popolare, per arrivare alla tradizione della World Music Axé de Bahia. Sul palco Vincenzo Palermo alla chitarra e voce, Edimal Macedo vocalist e performer, Giampaolo Terranova alla batteria, Gianna La Rosa al basso elettrico,  Gaetano Riccobono alle tastiere, Angela Renna e Alessandro Micale alle percussioni.

La rassegna chiuderà i battenti  il 2 agosto con Gegè Telesforo quintet guest Alfonso Deidda. Si ricorda che Telesforo è un  artista già noto al grande pubblico per avere preso parte alle trasmissioni televisive di Renzo Arbore nonché polistrumentalista, vocalista, compositore, conduttore e autore di trasmissioni radiofoniche e televisive. Profondo appassionato della musica, in particolare jazz e fusion, collabora con giornali e riviste specializzate, conosce e pratica lo Scat, una forma di canto jazz basata sull’improvvisazione vocale. Nella sua carriera ha duettato con Jon Hendricks, Dizzy Gillespie, Clark Terry, Dee Dee Bridgewater, Giorgia Todrani e altri. Sarà accompagnato da Alfonso Deidda ai fiati, Seby Burgio Ac piano & El piano, Alberto Fidone al contrabbasso e Peppe Tringali alla batteria. Considerati gli importanti e talentuosi musicisti coinvolti nel progetto, con diversi anni di esperienza professionale, si presume un altro momento musicale destinato – al pari di  quello della prima edizione – a lasciare un segno importante nella storia della nostra città, una lodevole proposta che nel tempo sta diventando un progetto di grande prospettiva tendente ad evidenziare non solo il nostro territorio ma anche la nostra identità ricca di storia e cultura, tutti valori che ben si compendiano nella rivitalizzazione del Parco Archeologico e che potrebbero incrementare anche l’offerta turistica. La musica jazz  costituisce  inoltre un importante mezzo di diffusione non solo della cultura ma anche del linguaggio musicale.

Un’iniziativa che rappresenta quindi  uno stimolo non indifferente all’apertura culturale degli agrigentini e, soprattutto, dei giovani che allo stato non hanno molte possibilità di conoscenza della musica jazz e dei suoi valori.

Senz’altro un evento da non perdere che porterà ancora nella città dei templi una ventata di aria nuova e che produrrà cultura e crescita della società con serate di grande musica in un’atmosfera magica fatta di suoni, immagini e suggestioni lungo un percorso di note e di melodie in episodi musicali sempre diversi ma che conducono tutti ad un esito che inequivocabilmente ne farà un’esperienza unica per i fruitori. Accessibili anche i costi dei biglietti che possono già essere acquistati  sul sito www.agrigentojazzfestival.wordpress.com secondo le seguenti tariffe:  poltrona (non numerata) euro 15 a serata; poltronissima (posto numerato) euro 20 a serata, abbonamento poltrona per l’intera rassegna  euro 45, abbonamento poltronissima per le quattro serate euro 60. Successivamente sarà avviata la prevendita anche presso alcuni rivenditori autorizzati.