I dipendenti incontrano la deputazione agrigentina del Parlamento nazionale

Continua lo stato di agitazione dei dipendenti del Libero Consorzio che anche oggi si sono mobilitati incontrando in assemblea gli on.li Maria Iacono, Antonino Bosco, Angelo Capodicasa e il Sen. Giuseppe Marinello. Presenti anche rappresentanti del Coordinamento Regionale dei Liberi Consorzi e sindacalisti della ex provincia di Caltanissetta.
L’incontro di oggi è servito per attivare un intervento della deputazione nazionale per scongiurare il pericolo di dissesto finanziario che interessa i Liberi Consorzi siciliani che, allo stato attuale, non possono più garantire nei prossimi mesi la copertura dei servizi in settori primari per i cittadini quali la scuola, la viabilità e l’assistenza ai soggetti portatori di handicap. Annunciata, anche, la convocazione di un tavolo tecnico tra la Regione ed il Governo nazionale che avverrà il prossimo 10 giugno. Per i dipendenti appare prioritario affrontare il nodo del pesante prelievo forzoso di somme destinate alle ex province da parte del Governo Nazionale.
Manifestata la disponibilità da parte della deputazione di farsi carico di avviare un confronto sulle risorse finanziarie con il Governo Nazionale, in primo luogo con il Ministero dell’Economia e interloquire con il Governo Regionale e l’Assemblea Regionale Siciliana affinché si arrivi al più presto all’approvazione del disegno di legge sui Liberi Consorzi che da ormai troppo tempo aspetta di essere approvato.
Annunciata, da parte della RSU, una giornata di mobilitazione regionale a Palermo che si terrà intorno al 20 giugno.