Al Circolo Empedocleo il libro “Mannalà” di Salvatore Indelicato

La copertina di Mannalà
La copertina di Mannalà

AGRIGENTO – Con lo slogan “Cultura per andare oltre” prende il via la “Campagna di primavera” promossa dalla Casa Editrice Medinova che da diversi anni opera come punto di riferimento nel nostro territorio per la produzione e distribuzione di libri. L’iniziativa sarà avviata Venerdì 13 marzo, alle ore 18.00, presso il Circolo Empedocleo di Agrigento dove avrà luogo la presentazione del libro “Mannalà” dello scrittore Salvatore Indelicato.

All’incontro con l’autore, moderato dalla giornalista Daniela Spalanca, interverranno Pippo Adamo (Presidente del Circolo Empedocleo), Amedeo Bruccoleri, Antonio Patti e Antonio Liotta (Editore Medinova). Nel corso della serata le letture saranno curate da Annagrazia Montalbano e gli interventi musicali saranno curati da Ninni Arena al pianoforte. Il testo è suddiviso in dieci racconti che rievocano ricordi dell’infanzia vissuta dall’autore nel quartiere Madonna degli Angeli (“Mannalà” per contrazione dialettale).

“Oltre al valore affettivo dei ricordi – sottolinea Salvatore Indelicato – nel libro ho voluto evocare la vita di un quartiere nel decennio dopo la guerra, con i nostri giochi, i sapori, l’umanità, la stessa urbanistica. Far conoscere, insomma, alle nuove generazioni come si viveva una volta, senza tante comodità o strumenti del progresso”. Un libro nato quasi per caso, stimolato da uno spunto di un nipote che, per un suo lavoro cinematografico, ha chiesto allo zio Salvatore di descrivere l’ambiente di una taverna che, racconto dopo racconto, con la saggezza battezzata da un sorriso nostalgico l’autore ha condensato in un carosello di vicende di vita all’interno di un quartiere. La pubblicazione è diretta sia ai giovani che ai meno giovani, i quali la gusteranno sicuramente con un pizzico di nostalgia. L’infanzia, che rappresenta il giardino della vita, viene descritta come un periodo colmo di ricordi che poi diventano un’originale guida morale e uno stimolo positivo per il futuro. Il lettore vi ritroverà sicuramente un modo di osservare con partecipazione la propria vita e il proprio ambiente in uno stile in cui si avvertono le tracce dell’appassionata familiarità dell’autore con le tradizioni dei nostri luoghi.