Agrigento batte il Torino 91 -83 guidando la partita in modo incessante. Protagonisti assoluti i due americani, Dudzinski con i suoi 30 punti e Williams con 24, sostenuti da un determinante lavoro difensivo da parte di tutta la squadra, anche Vai ha giocato sei minuti di grande maturità dando il suo contributo al successo di questa importante giornata di campionato.

Il capitano della squadra, Albano Chiarastella, si dichiara soddisfatto del lavoro di squadra: “abbiamo trovato le gerarchie giuste ed ognuno di noi è riuscito a dare il suo contributo.”

Il coach Luca Bechi – Manital Torino dichiara: “E’ stata una partita di grande energia, nonostante l’assenza di Piazza, la Fortitudo è stata compatta e aggressiva. Sul campo la partita è stata condotta da Agrigento, noi abbiamo dato a loro la sensazione chiara di esserne padroni assoluti”.

Molto soddisfatto si dichiara il coach Franco Ciani: “oggi credo che Agrigento ha giocato la migliore partita del campionato, sotto il profilo della continuità, dell’attenzione, della capacità di mascherare alcuni punti deboli e valorizzare invece alcuni punti di forza che ci aspettavamo ci potessero servire per opporre resistenza al Torino. Unico momento in cui gli avversari si sono avvicinati a noi è stato l’inizio del terzo quarto, poi non c’è stato nessun altro momento, il controllo della partita è sempre rimasto a noi.”

L’assenza del playmaker Alessandro Piazza questa volta è stata sopperita da un eccellente lavoro di squadra, come spiega il coach Ciani: “Abbiamo lavorato tutta la settimana per preparare dei quintetti un po’ particolari, alternando e ruotando quintetti piccoli a molto lunghi per tentare di togliere certezze ed equilibrio a questi avversari. Per fare questo è chiaro che Penny ha dovuto giocare una partita dove ha cantato e portato la croce, perché doveva segnare, difendere e credo che oggi si sia capito il suo grande valore. Ha attaccato di più e ha preso iniziative individuali, di cui la nostra squadra ogni tanto ha bisogno. Oggi a livello di realizzazione di punti e di sicurezza che hanno dimostrato in campo i migliori giocatori sono stati proprio gli americani, Penny e Dave, però è evidente che tutto intorno, il lavoro di ciascuno è stato fondamentale, come i canestri di Evangelisti o i 3 punti di Vai.”

E da domani già un altro grosso impegno: la partita contro Brescia. “E’ un periodo di fuoco – dichiara il coach – Biella, Torino, adesso andiamo a Brescia, poi verrà qua Ferentino, diciamo che in questo ultimo ciclo giochiamo con quattro delle sei migliori del campionato. E’ tutto complicato, abbiamo la consapevolezza che se giochiamo come gli agnelli queste squadre ci sbranano, se giochiamo come i lupi un po’ di pressione la mettiamo anche alle più forti. Non so ancora se i miglioramenti costanti di Alessandro Piazza ci indurranno a utilizzarlo o meno, ma intanto andiamo avanti per consolidare le cose di oggi perché potrebbero esserci molto utili la prossima domenica a Brescia.”

Il Tabellino

FORTITUDO MONCADA AGRIGENTO 91
magro, Vai 3, Evaneglisti 14, Di Simone, Williams 24, Chiarastella 10, De Laurentiis, Saccaggi 8, Udom 7, Dudzinski 25. All.: Ciani

MANITAL TORINO 83
Giacchetti, Fantoni11, Fiore, Lewis23, Amoroso14, Viglianisi6, Berry11, Rosselli8, Gergati10, Pichi.
All.: Bechi

Arbitri: Noce, Bartoli, Saraceni