Educazione alla salute all’ITC “L.Sciascia”

La scuola costituisce un microcosmo ideale in cui si maturano convinzioni, opinioni,
conoscenze, atteggiamenti e abitudini che determineranno in gran parte l’evoluzione
dell’individuo maturo, il suo ruolo e il suo contributo al vivere sociale.
In tal senso la collaborazione tra il mondo sanitario e quello dell’educazione e della
formazione rappresenta un elemento fondamentale per lo sviluppo di azioni adatte alla definizione dei problemi legati alla salute. Oggi la lotta al cancro al seno costituisce una delle priorità del Servizio Sanitario Nazionale per l’elevata incidenza della malattia e per il suo pesante impatto sociale ed economico. L’interesse per questo tipo di patologia e per la sua prevenzione non è sfuggito all’Istituto Tecnico Commerciale “L.Sciascia”, presieduto dalla Dott.ssa Patrizia Marino, che per il corrente anno scolastico si fa promotore di un interessante progetto di ” Educazione alla salute” che vede docenti referenti la Prof.ssa Giuseppina Parisi e la Prof.ssa Giovannella Riolo, membro del consiglio direttivo della LILT. Gli studenti delle quinte classi dell’ Istituto hanno recentemente incontrato i medici senologi ed oncologi della LILT, la Lega Italiana Lotta ai tumori, e precisamente i dottori Pasquale Borsellino e Carmela Di Caro i quali hanno insistito sull’importanza della prevenzione del tumore al seno, oggi big killer numero uno per il genere femminile, che registra un incremento (46.000 le donne italiane all’anno sviluppano un tumore al seno) dovuto sia all’allungamento dell’età media di vita sia soprattutto all’aumento dei fattori di rischio. In particolare i Medici hanno sottolineato l’importanza della prevenzione e il ruolo delle nuove tecnologie diagnostiche che consentono oggi di poter individuare lesioni tumorali millimetriche, in fase iniziale, allorquando il grado di malignità e l’indice di aggressività del tumore risultano bassi ed il processo di metastatizzazione pressoché nullo. E’ seguito un partecipato dibattito da parte degli studenti che hanno rivolto ai due professionisti domande e quesiti pertinenti. Per sensibilizzare i giovani all’educazione alla salute nell’ambito del progetto sono previsti altri due prossimi incontri, rispettivamente con la ginecologa Dott.ssa Carmina e con l’urologo Dott. Minacapilli.