Home Dai Comuni Agrigento Toponomastica ad Agrigento, domani l’installazione di due targhe in Piazza Stazione

Toponomastica ad Agrigento, domani l’installazione di due targhe in Piazza Stazione

188 views
0

Domani alle ore 11 la piazza antistante la stazione di Agrigento ritroverà dopo anni la sua vera identità. Grazie ad un’azione sinergica portata avanti dall’amministrazione comunale di Agrigento nella persona del dott. G. Di Rosa, consigliere comunale, e dell’Accademia di Belle Arti “Michelangelo” di Agrigento nella persona del suo Direttore il Prof. Alfredo Prado, dopo anni in cui la toponomastica ha indicato il luogo come Piazza Stazione, domani finalmente tutti sapranno che il vero toponimo della piazza é “Piazza Pirro Marconi”.
Personalità illustre, agrigentino di adozione la cui attività archeologica in Sicilia é testimoniata dall’enorme mole di studi e monografie che riflettono l’intensa attività di scavo condotta nelle provincia di Agrigento. I monumenti e la topografia di Agrigento furono suoi grandi interessi, la pubblicazione nel 1926 dei resti di quattro dei colossali telamoni dell’Olympieion (del tempio di Giove olimpico), le relazioni di scavo sulle ricerche delle chiese di San Biagio e di San Nicola, di alcuni edifici di culto, dell’oratorio di Falaride e tanto altro.
“Non potevamo accettare come agrigentini e come Accademia, luogo in cui ci si forma all’arte, che la città non fosse a conoscenza del vero nome della piazza, a maggior ragione se questa é dedicata ad una personalità illustre che ha contribuito nella ricostruzione della storia di Agrigento; la collocazione delle targhe in un’azione sinergica e congiunta con il Comune, testimonia la nostra presenza sul territorio, l’attenzione che l’accademia nutre nei confronti della cultura e dell’arte in genere. Le targhe, da noi donate, sono opera del maestro ceramista Domenico Boscia, il quale in una fusione creativa di materiali e tecniche ha fissato il nome di Pirro Marconi su targhe in ceramica contornate da una classica ma intramontabile greca”.