“Quartet” apre la rassegna cinematografica di Ciak Donna

Di Margherita Biondo – Sarà “Quartet” il film di apertura della rassegna cinematografica di Ciak Donna che quest’anno propone cinque pellicole sul tema “Arte e Colore”. La proiezione, che avrà luogo domani 27 luglio, alle ore 21.00, presso il Dioscuri By Palace Hotel a San Leone, è ad ingresso libero e sarà introdotta dalla presentazione della scrittrice Aurora Augello. “Quartet” segna il debutto alla regia di Dustin Hoffman all’età di 75 anni ed è interpretato Maggie Smith, Tom Courtenay, Billy Connolly e Pauline Collins. Il film è una trasposizione cinematografica di una pièce di Ronald Harwood il quale si presenta anche in veste di sceneggiatore. La pellicola, girata in Gran Bretagna, nella cittadina di Taplow nell’autunno 2011, propone un cast composto quasi interamente da veri musicisti in pensione le cui foto, ai tempi della loro carriera, sono mostrate durante i titoli di coda. Il film arricchisce il filone rosa sulla vecchiaia e propone una storia di anziani briosi e vitali, dal passato luminoso, che vivono un presente prigioniero degli anni senza tuttavia rinunciare al futuro in un contesto in cui, pur nella malinconia della decadenza fisica e della solitudine, se la spassano come se la vita ancora appartenesse loro. La trama si snoda in una sontuosa dimora georgiana, isolata in un magnifico parco del Buckinghamshire (dove nella realtà soggiornarono sia re Giorgio III che la regina Vittoria) trasformata in elegante casa di riposo per musicisti, ex cantanti d’opera e di musical, di direttori d’orchestra e registi, di solisti ed orchestrali, rimasti soli o senza soldi che si attengono a regole ferree: “Non morire prima di morire. Non consentire che ti imbocchino. Non fartela addosso”. Il tutto tra qualche acciacco, qualche amnesia, un po’ di rivalità, alcolici nascosti tra i costumi, canasta, piscina, cricket e passeggiate nel parco, visite frettolose di figli e nipoti impazienti. Ogni anno, in occasione dell’anniversario della nascita di Giuseppe Verdi, gli ospiti della casa di riposo organizzano un galà e si esibiscono di fronte ad un pubblico pagante per sostenere Beecham e scongiurarne lo smantellamento. Tuttavia la routine dei protagonisti Reggie, Wilf e Cissy viene sconvolta dall’arrivo di Jean Horton, elemento mancante e artista di punta del loro leggendario quartetto. Dustin Hoffman si improvvisa regista animato da uno spirito appassionato ma anche da una sana dose di modestia e dimostra soprattutto di aver saputo fare affidamento su materiali appropriati affinché la costruzione finale suoni malinconica quanto basta, anche se evanescente e in fondo un po’ infantile, com’è lo spirito degli anziani nella convivialità. Pensato per un pubblico di amanti della musica più che del cinema, “Quartet” vale comunque la visione. La pellicola, presentata al Toronto International Film Festival il 9 settembre 2012, ha aperto, in prima italiana, la trentesima edizione del Torino Film Festival. Il film è stato distribuito in anteprima nelle sale cinematografiche della Nuova Zelanda ed in Australia nonché, in versione definitiva e classica, in Gran Bretagna e negli Stati Uniti d’America. In Italia è uscito il 14 gennaio 2013. La rassegna di Ciak Donna proseguirà martedì 29 luglio con il film “A dangerous method”. La manifestazione, giunta al suo ottavo appuntamento, gode del patrocinio del Comune di Agrigento, dell’Assessorato Regionale ai Beni Culturali e del Museo Archeologico Regionale di Agrigento.