Che forza l’Akragas, San Cesareo annientato

akragas san cesareoUn prova di forza sancita da quattro reti, rimanda a casa il San Cesareo e permette all’Akragas di passare il turno dei Play off.

Allo stadio Esseneto, presenti oltre 2500 spettatori. In tribuna, al gran completo, c’era anche la Fortitudo Agrigento reduce da una splendida stagione culminata con la promozione in Lega Gold. Si è rivisto anche Desiderio Garufo, ex biancazzurro ed oggi titolare inamovibile del Trapani in serie B.
Troppo forti i biancazzurri di Pino Rigoli rispetto alla formazione laziale che si presentava all’Esseneto dopo aver eliminato il Terracina, battuto in trasferta, e con un curriculum di tutto rispetto.
Ai padroni di casa, però, sono bastati due minuti di gioco per sbloccare il risultato con Assenzio che ha approfittato di un corto retropassaggio di Olivieri per l’incolpevole Matera, mandando la palla in fondo al sacco.
Lo svantaggio immediato, scompagina i piani di mister Ferazzoli. I rossoblu, tra i quali spiccano i vari Gissi, Ramacci, Foderaro, De Paolis e Siclari, provano a sfondare la retroguardia agrigentina che si fa trovare sempre attenta e pronta a ripartire in contropiede.
Dopo una ventina di minuti di attacchi arrembanti degli ospiti, che procurano una sfilza di tiri dalla bandierina, l’Akragas viene fuori dalla propria metacampo ed impensierisce il portiere ospite grazie agli spunti di un inesauribile Savanarola. Gli assist invitanti del numero 11 biancazzurro, non trovano però compagni pronti a ribadire in porta.
Si va al riposo.
Il secondo tempo inizia con una vera e propria frustata per il San Cesareo. Nicola Arena, che nel primo tempo ha interpretato più un ruolo di interdizione che di attaccante, inizia a tirar fuori dal cilindro le sue giocate. Dai suoi piedi, scaturisce l’azione del raddoppio akragantino, con un pallone servito dal fondo per Savanarola che in mezza rovesciata, di sinistro, manda la palla alle spalle di Matera.
E’ il giusto riconoscimento per uno dei migliori in campo, presente in tutte le parti del campo, ottimo rifinitore e finalizzatore.
Il San Cesareo accusa il colpo e subisce la pressione dei padroni di casa sospinti dal calore del pubblico.
L’Akragas va vicina al terzo gol in più occasioni: clamorosa l’azione in cui colpisce due traverse con Pellegrino e Saraniti. L’appuntamento con la marcatura arriva al 38° ed è ancora Assenzio da posizione impossibile, che scarica un sinistro violento sul quale Matera non interviene deciso, la palla gli sfugge e finisce alle sue spalle.
Ferazzoli mette in campo Del Vecchio, Longobardi e Cerro, al fianco di Siclari e Foderaro. Prova a riaprire l’incontro ma gli attaccanti rossoblu non riescono mai a centrare lo specchio della porta difesa da Valenti.
Al 5° minuto di recupero, arriva anche il sigillo di Paladino, subentrato all’infortunato De Rossi. Per lui è fin troppo facile mettere in gol da due passi, dopo l’ennesimo assist di Savanarola.

L’Akragas ed il San Cesareo finiscono la gara tra gli applausi. Da sottolineare il messaggio lanciato dai dirigenti laziali nei confronti della società e degli sportivi agrigentini per l’ospitalità ricevuta.

Negli altri spareggi, spicca la vittoria dell’Arezzo, finalista di coppa Italia, sul campo del Taranto.
Potrebbe essere proprio la squadra granata la prossima avversaria dell’Akragas allo stadio Esseneto domenica 25 maggio.

Ecco i risultati dei Play Off
Play Off – Terza Fase

Girone 1
Correggese-Olginatese 1-0 (31′ st Luppi)

Girone 2
Foligno-Borgosesia 1-2 (5′ pt Urbanelli, 22′ pt Mazzotti, 34′ st Guidetti)

Girone 3
Ore 15:00
Matelica-Sacilese 2-0 d.c.r.

Girone 4
Ore 17:00
Taranto-Arezzo 0-1 (41′ st Carteri)

Girone 5
Akragas-San Cesareo 4-0 (2′ pt Assenzio, 5′ st Savanarola, 38′ st Assenzio, 50′ st Paladino)

L’articolo Che forza l’Akragas, San Cesareo annientato sembra essere il primo su AgrigentoSport.com.