Approvato il piano triennale di prevenzione della corruzione e il programma per la trasparenza 2014/2016

La Provincia si dota del piano triennale di prevenzione della corruzione e del programma triennale per la trasparenza e l’integrità per il triennio 2014/2016.
Il Commissario Straordinario Benito Infurnari con propria determinazione ha approvato, oggi, la proposta elaborata dal Direttore/ Segretario Generale Dr. Giuseppe Vella con il supporto dell’ufficio “Area Controlli, Anticorruzione, trasparenza e contenzioso” dell’Ente.
Il provvedimento è composto dal Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione (P.T.P.C.) e Programma Triennale per la Trasparenza e l’integrità per il triennio 2014-2016, dalla Griglia-Programma Triennale per la trasparenza e l’integrità 2014/2016, dal modello per la procedura di adozione del P.T.P.C., dalla mappatura dei rischi, dalle misure organizzative per le attività ad alto rischio di corruzione e dalle tavole e misure organizzative previste per la realizzazione del piano.
Il provvedimento, rivolto ai dirigenti e ai dipendenti dei vari settori dell’Ente, è stato adottato per dare tempestiva attuazione alle norme, già in vigore, per garantire il massimo grado di trasparenza dell’azione amministrativa e mettere in atto le politiche di prevenzione della corruzione previste dalla legge.
Lo scopo del provvedimento è quello di ridurre in maniera consistente il rischio del manifestarsi di fatti riconducibili alla corruzione attraverso apposite misure di controllo. In particolare è previsto l’istituto della rotazione del personale, con funzioni di responsabilità, operante nelle aree a rischio corruzione, la tutela del wistleblower e la formazione e l’aggiornamento del personale in materia di anticorruzione.
Una tutela speciale viene riservata al wistleblower, il dipendente che effettua segnalazioni di illecito all’autorità giudiziaria, alla Corte dei Conti ovvero la riferisce al proprio superiore gerarchico, nei confronti del quale non possono essere adottate misure discriminatorie o azioni di ritorsione.
Con l’adozione di questo piano, ha commentato il Commissario Infurnari, l’Ente si dota di un adeguato strumento per garantire il rispetto delle norme e assicurare la massima trasparenza ed efficacia in materia di prevenzione dei fenomeni di corruzione nell’ottica di una reale tutela dei diritti dei cittadini.