Agrigento, “almeno il diritto allo studio sia garantito”

“Almeno il diritto allo studio sia garantito. La scuola dell’ obbligo impone il rispetto di un principio etico e formativo. L’ Amministrazione Zambuto finanzi il bonus per l’acquisto dei libri scolastici”.
Così affermano i consiglieri comunali di Agrigento Luca Spinnato, Cinzia Puleri, Giovanni Civiltà, Simone Gramaglia, Alessandro Patti, Alessandro Sollano e Alfonso Mirotta, in riferimento all’ ancora mancante previsione del bonus per l’acquisito di libro di scuola a favore delle famiglie disagiate.
I consiglieri affermano : “nonostante il periodo di acquisto dei libri di scuola sia trascorso, e che l’ inizio delle lezioni sia imminente, se non già avviato in alcune scuole, ancora l’ Amministrazione Zambuto non ha assunto in alcun modo l’impegno a garantire alle famiglie il bonus per acquistare i libri di scuola, e quindi il diritto allo studio nelle scuole dell’ obbligo, elementari e medie inferiori. Ciò si ripercuote in particolare a grave danno della fascia sociale del disagio purtroppo sempre più in espansione, e pregiudica i compiti di formazione ed educazione che sono premessa di civiltà e di sana crescita delle nuove generazioni. Il sindaco Zambuto rimedi al più presto a tale grave lacuna, e qualora al momento non vi siano risorse disponibili imponga a se stesso ed alla Giunta di rinunciare alle indennità mensili fino al raggiungimento di quanto necessario per assicurare il diritto allo studio in città”.