Mafia, operazione “Nuova Cupola”: confermati arresti e scarcerazioni

La Cassazione conferma quindici provvedimenti del tribunale del riesame nell’ambito dell’inchiesta antimafia “Nuova Cupola”: nove presunti boss o affiliati alle cosche restano in cella, per altri sei indagati è stata confermata la scarcerazione. La Suprema Corte ha rigettato o dichiarato inammissibili tutti i ricorsi presentati. Da una parte i difensori che chiedevano la scarcerazione dei loro assistiti o il rigetto di un nuovo arresto, dall’altra i pm della Dda che chiedevano una nuova ordinanza di arresto dopo l’annullamento disposto in estate, qualche settimana dopo il blitz della squadra mobile scattato il 26 giugno. Restano in cella: Francesco Ribisi, Giovanni Tarallo, Luca Cosentino, Rosario Bellavia, Gaetano Licata, Carmelo Vetro, Roberto Belvedere, Raffaele Faldetta e Bruno Pagliaro. Confermato l’annullamento dell’arresto dei cugini empedoclini Salvatore e Roberto Romeo che restano però dentro per altre vicende giudiziarie. Restano liberi, invece, Gaspare Carapezza, Gerlando Fragapane, Salvatore Russo Fiorino e Giuseppe Faldetta.