Mafia, estorsione a Grigoli: condanna definitiva per Giuseppe Capizzi

La Cassazione ha confermato la pena per il riberese Giuseppe Capizzi, e ha annullato la sentenza di condanna che era stata emessa nei confronti del fratello, Carmelo Capizzi, rinviando ad altra sezione della Corte d’Appello di Palermo. I giudici ermellini sono stati chiamati a pronunciarsi in merito alla presunta estorsione commessa ai danni dell’imprenditore di Castelvetrano Giuseppe Grigoli, considerato il fedelissimo del super latitante Matteo Messina Denaro. Per Giuseppe Capizzi è stata confermata la condanna a 2 anni di reclusione, in continuazione con la precedente condanna definitiva a 8 anni inflitta nell’ambito del processo “Welcome Back”. Per il fratello Carmelo condannato in Appello a 4 anni e 6 mesi di carcere, si torna in Corte d’Appello.