Rifiuti, in arrivo 12 milioni dalla Regione

Firmato l’accordo di programma tra undici sindaci di altrettanti comuni ricadenti nell’ambito di Gesa al Dipartimento regionale Acqua e Rifiuti, per sottoscrivere l’impegno a restituire entro dieci anni le somme, circa 12 milioni di euro, che la Regione sta per anticipare in attuazione della circolare numero due dello scorso mese di novembre.
Le somme dovrebbero essere erogate in quattro rate, delle quali la prima entro il 30 aprile La Regione dunque è ad un passo dal pagamento e ciò consentirá Le somme che man mano arriveranno consentiranno al liquidatore di Gesa Teresa Restivo di pagare una consistente parte del debito della società nei confronti delle imprese creditrici.
Hanno firmato solo undici sindaci perchè otto comuni hanno in qualche modo fatto a meno delle anticipazioni: Siculiana ha presentato il piano di rientro ma quest’ultimo non è stato approvato dalla Regione. Altri comuni senza anticipazioni sono Lampedusa che non ha presentato il piano di rientro, Ioppolo Giancaxio e Santa Elisabetta i cui consigli comunali non hanno autorizzato il sindaco a firmare l’impegno a sottoscrivere il piano di rientro, Racalmuto, Grotte, San Giovanni Gemini e Casteltermini i quali hanno preferito non farsi prestare soldi dalla Regione dato che il loro debito nei confronti di Gesa ammonta a poche decine di migliaia di euro per cui ritengono di poter far fronte a tale debito con i propri fondi.