“Nessun pericolo per la pubblica incolumitá”, assolta anziana empedoclina

Il Tribunale di Agrigento, nella persona del Giudice Monocratico Rossella Ferraro, ha assolto una anziana donna di Porto Empedocle, Callea Maria di 78 anni assistita e difesa dagli avvocati Luigi Troja ed Irene Eballi.
La donna era accusata di non avere eseguito una Ordinanza del Sindaco che la obbligava insieme ad altri condomini ad eseguire lavori per eliminare pericolo alla pubblica incolumità.
In particolare, la donna insieme ad altri condomini era stata obbligata a ristrutturare un immobile del centro storico ritenuto un pericolo per la pubblica incolumità. Nessuno però esegui l’ordine del Sindaco e così il Tribunale di Agrigento emise un Decreto Penale di Condanna.
La Callea però, con l’assistenza degli avvocati Irene Eballi e Luigi Troja si oppose al decreto penale di condanna e in dibattimento ha dimostrato la propria estraneità.
Il Tribunale accogliendo le tesi difensive degli avvocati Troja ed Eballi ha assolto la donna perché è risultato che non sussisteva alcun pericolo alla pubblica incolumità, ma trattava si solo di lavori interni al condominio e che potevano arrecare pericolo al pubblico ma non al privato.
Il P.M. aveva chiesto la condanna ad un mese di arresto.