Racalmuto. Presentata la stagione artistica 2013 del castello chiaramontano

castello racalmutoE’ stato presentato alla stampa nella sala convegni di piazza Castello il Programma della Stagione Artistica 2013 del Castello Chiaramontano di Racalmuto approvato dai Commissari Galeani, Romano e Buda. Alla presenza del Direttore Artistico Piero Baiamonte, dei Commissari e del Responsabile dell’Ufficio Cultura Renato Volpe è stato illustrato il ricco programma di quest’anno più che mai aperto alle giovani promesse del panorama culturale agrigentino e al confronto con culture d’oltreoceano.

Un segnale positivo lanciato dall’operoso comune che, nonostante le difficoltà politiche ed economiche, cerca di rendere onore alla memoria del grande scrittore che alla cultura dedicò tutta una vita, Leonardo Sciascia.
Il Castello Chiaramontano di Racalmuto sin dalla sua ristrutturazione e destinazione a Galleria d’Arte, ha ospitato i maggiori artisti del panorama artistico nazionale e internazionale con un occhio particolare ai corregionali.

Da Giuseppe Carta a Totò Bonanno, da Adele Cerando a Rosario Bruno, da Renzo Mezzacapo a Robert Capa la direzione artistica ha avuto l’onore e il piacere di presentare al pubblico agrigentino maestri dell’iperrealismo, artisti provenienti dalla Biennale di Venezia e celebrità internazionali del calibro di uno dei fondatori di Magnum. E a proposito della grande agenzia fotografica più importante al mondo, uno di loro, Ferdinando Scianna si è reso disponibile ad allestire prossimamente una sua permanente fotografica nella scuderia del Castello.

In occasione della presentazione della stagione artistica 2013 si è parlato anche delle iniziative volte a incrementare la promozione turistica del paesino Sciasciano con proposte di itinerari e visite guidate nei siti storici e monumentali.
La linea artistica ruoterà intorno, oltre al concetto di multicultura, al patrimonio territoriale e culturale e all’incitazione dei giovani talenti.

Spazio ai giovani
La Stagione Artistica aprirà le porte il 23 marzo con la collettiva “Photography, orizzonti per immagini e dintorni” il nostro territorio raccontato attraverso lo sguardo dei quattro fotografi in mostra. All’inaugurazione sarà presente l’autorevole Prof. Nuccio Mula che introdurrà le opere inquadrandole all’interno di un contesto culturale, sociale e artistico.
La rassegna dedicherà una sala della Galleria del Castello a ciascun artista che la allestirà secondo il proprio personale senso artistico e vedrà protagonisti Peppe Cumbo, Giuseppe Parello, Alessandro Giudice e Andrea Sardo, ognuno dei quali riassumerà il proprio percorso fornendo quattro diversi punti di vista. In linea con la visione di quest’anno, si tratta di quattro giovani emergenti che si sono già fatti notare: Giuseppe Parello è un ingegnere prestato alla fotografia naturalistica che ha esposto alla sua personale nel 2012 “Scatti per Caso”; Peppe Cumbo è ormai noto in provincia e oltre per i suoi scatti pieni di intensità rielaborati con diverse tecniche, incarnando allo stesso tempo metodo tradizionale e innovazione; Alessandro Giudice, classe 1984, di occupa di natura, still life, reportistica ha già alle spalle numerose esposizioni e collaborazioni e ha ottenuto più volte il Front Page di Flickr; Andrea Sardo vanta collaborazioni con i maggiori professionisti del settore sul territorio, artisticamente poliedrico e per certi versi esploratore dell’arte fotografica, che sa cogliere sapientemente gli aspetti umani e paesaggistici con una straordinaria capacità d’immagine. Recente il suo viaggio nell’America del Sud fra Cile, Patagonia, Brasile da cui trae nuove sensazioni, atmosfere da trasferire in immagini ed emozioni.