Interpellanza al sindaco a firma dei consiglieri Alongi, Galvano e Vullo

I consiglieri comunali Geraldo Alongi, Angela Galvano e Marco Vullo hanno presentato una interpellanza all’Amministrazione comunale che si riporta integralmente:

“Gli scriventi intendono conoscere tutte le clausole inserite nelle convenzioni stipulate con “Girgenti Acque” e con la ditta che realizza gli allacci del metano, inerenti le modalità da seguire nelle riparazioni e/o allacci di acqua e metano e conoscere se le stesse prevedono la sorveglianza e/o una sorta di regolare esecuzione dei lavori da parte dell’Ufficio Tecnico Comunale.
Quanto sopra per evitare che si continui con lo scempio ed il pessimo ripristino degli scavi e del manto stradale che rappresentano tra l’altro un pericolo pubblico per i pedoni e per i mezzi che transitano soprattutto per quelli a due ruote. Se le convenzioni non contengono alcuna clausola del ripristino a perfetta regola d’arte degli scavi e del manto stradale, si chiede un’immediata modifica delle stesse, se invece le contengono, si chiede una supervisione dell’U.T.C. a garanzia che tutto venga ripristinato come si deve con verbale di regolare esecuzione dei lavori rilasciato da funzionari dell’U.T.C. Inoltre si chiede di far ripristinare a perfetta regola d’arte tutti gli scavi che presentano un cedimento causato dagli scavi eseguiti non a perfetta regola d’arte, per porre rimedio a questo sconsiderato metodo di esecuzione dei lavori che danneggia, non poco, il decoro urbano della città, della zona balneare e dei quartieri satelliti. Si ritiene non più procrastinabile l’intervento dell’Amministrazione e dell’U.T.C. per porre rimedio a quanto sopra esposto con azioni concrete non più tolleranti. Gli scriventi desiderano avere contezza immediata di quanto l’Amm.ne intende mettere in atto ed inoltre acquisire copia delle convenzioni con Girgenti Acque e con la ditta che si occupa degli allacci del metano. La presente interpellanza riveste carattere di urgenza e si rimane in attesa di solerte riscontro da parte dell’Amm.ne attiva e dal Dirigente Responsabile dell’U.T.C.”.