Distributore di benzina abusivo, Comune di Agrigento sarà parte civile

“Distributore di benzina realizzato illegittimamente”: il Comune di Agrigento si costituirà parte civile. La giunta ha dato incarico all’avvocato Giancarlo Rosato di tutelare i propri interessi. Il legale doveva formalizzare ieri la costituzione ma l’udienza preliminare, davanti al gup Alessandra Vella, è stata rinviata per la mancata notifica a uno dei tre imputati. Sono Sebastiano Di Francesco, 53 anni, ex capo dell’Utc di Agrigento; Gabriele Gottardelli, 45 anni, di Roma, coordinatore investimenti sud della “Kuwait petroleum Italia”; e il progettista Rosario Gallo, 42 anni, di Comiso ma residente ad Acate, in provincia di Ragusa. Ai tre imputati viene contestato l’abuso di ufficio e la violazione della normativa edilizia.

Al centro delle presunte irregolarità il distributore di carburante aperto da pochi mesi nei pressi del Villaggio Peruzzo. Di Francesco, in qualità di dirigente dell’Ufficio tecnico, avrebbe consentito la realizzazione del distributore sulla base di due provvedimenti amministrativi illegittimi e in assenza del Piano carburanti comunale.