“Clandestini morti nella stiva”, condannati quattro scafisti

Il Gup di Agrigento Alessandra Vella ha condannato a 8 anni di reclusione ciascuno tre somali e un marocchino ritenuti gli scafisti del barcone,soccorso dalle motovedette della guardia di finanza e della Guardia Costiera il primo agosto 2011, con a bordo 270 immigrati nigeriani e somali. Nella stiva del natante vennero ritrovati 25 cadaveri. Gli imputati sono i somali Mohamed Nuur Ibrahim, 25 anni; Idris Yoonis, 30 anni e Mohamed Abdi Karim, 27 anni e il marocchino Amin Handa, 25 anni. La procura aveva chiesto l’ergastolo, contestando l’omicidio volontario aggravato, per Ibrahim Nuur Mohamed e pene tra i 4 e i 9 anni per gli altri tre. La condanna è stata decisa per i reati di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e omicidio “come conseguenza di altri reati”.